mercoledì , 25 Maggio 2022
Home » Bari Calcio » Alberti: “Partita giocata a viso aperto”
Joao Silva

Alberti: “Partita giocata a viso aperto”

Il tecnico del Bari è più che soddisfatto della prova dei suoi ragazzi

 

Quarta vittoria consecutiva in casa. La squadra di mister Alberti è riuscita in due partite casalinghe a conquistare la bellezza di sei punti fondamentali per la permanenza nella serie cadetta cosa importante in questo momento societario. Davanti a quindicimila tifosi i biancorossi sono stati trascinati dal calore dei tifosi che oggi sono stati davvero il “dodicesimo” uomo in campo. L’avversario affrontato oggi è stata una squadra che merita la classifica che ha come ha dichiarato lo stesso tecnico del Bari a fine partita.

 

LA CRONACA:

 

Solo dopo dodici minuti si vede una vera e propria azione da goal targata Avellino. Colpo di testa di Galabinov con miracolo di Guarna che manda la palla in angolo. Dopo tre minuti si vede in attacco il Bari con un cross dalla destra di Sabelli, palla parata dal portiere ospite sulla linea di porta. Al 23° su rimessa del Bari sforbiciata in area di Galano parata centralmente da Terracciano. Al 35° si rivede in attacco l’Avellino con un tiro di Arini parato centralmente dal portiere biancorosso. Dopo quattro minuti Galano crossa dalla destra per Joao Silva che non arriva sulla palla, palla che viene deviata da un difensore in angolo.

 

Nella ripresa mister Alberti provvede subito ad un primo cambio. Al 1° fuori Fossati, dentro Romizi. All’ 11° tiro dalla distanza di Lugo respinto con i pugni dal portiere ospite. Dopo quattro minuti l’arbitro Minelli di Varese ammonisce Romizi per una trattenuta su un giocatore avversario. Al 21° mister Alberti manda in campo Zanon per Sabelli. Al 22° l’arbitro ammonisce Bittante per fallo su capitan Defendi. Dopo due minuti mister Rastelli manda in campo Biancolino per Galabinov. Al 25° tiro di Ciano dalla destra alto di poco sulla traversa. Dopo due minuti si rivede il Bari con un tiro di Romizi, parato. Al 30° tiro di Biancolino parato da Guarna. Al 32° ancora una sostituzione per l’Avellino. Dentro De Carli per Pisacane. Dopo due minuti colpo di testa dell’entrante De Carli parato da Guarna. Al 36° la svolta. Il Bari si porta in vantaggio. Cross dalla destra di Sciaudone, colpo di testa di Joao Silva che porta in vantaggio i biancorossi. Sempre al 39° mister Rastelli manda in campo Togni per capitan Millesi.

 

LE FORMAZIONI:

 

BARI ( 4 – 3 – 3 ): Guarna; Sabelli; Ceppitelli; Polenta; Calderoni; Lugo; Sciaudone; Fossati; Galano; Joao Silva; Defendi. A disposizione: Pena; Samnick; Zanon; Chiosa; Romizi; Leonetti; Lores Varela; Beltrame; Cani. All. Alberti.

 

AVELLINO ( 4 – 3 – 1 – 2 ): Terracciano; Bittante; Izzo; Fabbro; Pisacane; Arini; Schiavon; Millesi; Galabinov; Ciano; Castaldo. A disposizione: Seculin; De Carli; Abero; Angiulli; D’Angelo; Togni; Biancolino; Soncin; Ladrière. All. Rastelli.

 

90°:

 

Alberti: “Oggi abbiamo incontrato una squadra che merita la classifica che ha, una squadra che sta disputando un grande campionato. Nel primo tempo ci hanno messo in difficoltà. Molto meglio noi nel secondo tempo perché li abbiamo costretti a giocare molto più bassi. Siamo riusciti ad arrivare spesso sul fondo e per questo sono molto contento per quello che abbiamo fatto nella seconda parte di gara. Sapevamo di incontrare una squadra esperta che ha messo in difficoltà chiunque in questo campionato. Con la capacità di soffrire il Bari ha capito che fa parte del gioco. Da uesto punto di vista siamo cresciuti molto. Questo è un campionato molto equilibrato. L’Avellino viene da cinque vittorie fuori casa e questo la dice lunga per chi gioca in casa. Per quanto ci riguarda quella di oggi è stata la quarta vittoria consecutiva in casa con quattro squadre che stanno nella zona alta della classifica. La cosa che mi fa piacere è che oggi abbiamo messo in campo lo spirito che in questo momento c’è a Bari che è la capacità di soffrire e con la voglia di uscire tutti insieme da una situazione particolare e questo è una situazione che mi fa enormemente piacere. Con una cornice di pubblico del genere non potevamo assolutamente deluderli. Un grazie di cuore a chi è venuto allo stadio, a tutte le persone che ci sono vicine. Non possiamo abbassare la guardia perché già sabato prossimo ci aspetta una partita difficilissima a Crotone. Già da domani dovremo concentrarci partita dopo partita come ho sempre detto. Sono contento e felice per tutta quella gente che ci è vicina. Anche oggi i curatori prima della gara sono venuti a farci un saluto e questo mi ha fatto enormemente piacere. Loro, n questo momento,insieme ai ragazzi rappresento tutta una città perché Bari da questo punto di vista non è fallita e non fallirà mai. Questa città è un serbatoio di passione straordinario. Noi abbiamo un compito che è quello del campo che è assolutamente quello di raggiungere un obiettivo. Se noi continuiamo a combattere tutti insieme le cose saranno un po’ più facili ma dovremo soffrire fino alla fine di questo campionato”.

 

Di Micol Tortora

Tutto su Micol Tortora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.