sabato , 24 Ottobre 2020
Home » Bari Calcio » Auteri: “Ora siamo completi”

Auteri: “Ora siamo completi”

“Dovremo essere capaci  – ha aggiunto il tecnico – di fare tante cose”

 

Dopo il pareggio casalingo conseguito domenica scorsa contro il Teramo, il Bari già da lunedì è tornato in campo per preparare al meglio la gara di campionato infrasettimanale di domani pomeriggio alle 18.30 a cava dei tirreni contro la Cavese. Oggi, dopo l’allenamento di rifinitura, ha parlato in conferenza stampa il tecnico biancorosso il quale ha parlato subito di mercato, mercato che si è chiuso proprio ieri. “Abbiamo fatto quello che dovevamo fare. Col ritardo nell’acquisire la condizione migliore di Simeri avevamo bisogno di frecce in più. Dopo il mercato appena conclusosi  posso dire che siamo completi. Ora abbiamo solo bisogno di lavorare senza impegni infrasettimanali”.

 

Il tecnico si è soffermato anche sull’esclusione di Esposito e Hamlili dalla rosa. “ Sono state fatte delle scelte chiare. Non c’è nessuna confusione. Le scelte devono essere rispettate. Preferirei concentrarmi sulle partite visto che domani affronteremo un avversario tosto”.

 

E sulla Cavese che ha riposato domenica ha detto. “Loro hanno avuto nove/dieci giorni per preparare la partita, al contrario nostro che l’abbiamo preparata in meno giorni. I punti sono fondamentali. In questo momento sto solo pensando alla partita di domani”.

 

Si è pronunciato anche sulla rosa a sua disposizione. “Abbiamo un filo conduttore che è un modello organizzativo di gioco che rispetti le caratteristiche migliori. Dovremo essere capaci di fare tante cose. Le partite ci diranno che indirizzo seguire. Domenica, con le dinamiche a noi favorevoli, abbiamo cambiato in corsa senza snaturare nessuno. Posso dire che non ho preoccupazioni. Vorrei solo lavorare una settimana per intero”.

 

Ha parlato anche dei due nuovi arrivi in casa Bari, Citro e Montalto. “Non li ho ancora visti, valuteremo. Abbiamo preso giocatori allenati. Le affinità si troveranno in campo attraverso il lavoro quotidiano”.

 

E su chi potrà essere titolare si è espresso così. “Non mi sento titolare nemmeno io. Ognuno deve vivere in funzione di cosa la società ha stabilito come obiettivo. Durante gli allenamenti dovranno esserci motivazioni importanti. Giocheremo ogni tre giorni e tutti troveranno spazio. Nessuno viene a Bari per fare miracoli. La bacchetta magica la dobbiamo avere tutti insieme, nessun capriccio personale. Nel Bari non c’è nessun titolare. Domani bisognerà stare attenti a quello che faremo. Potrà essere che essendo alla quinta gara in due settimane qualcuno che ha giocato sempre potrà non fare la prestazione giusta per cui bisognerà valutare anche questo. In questa squadra non ci sono gerarchie”.

 

Ha parlato anche della difesa e di Perrotta. “Tutti troveranno spazio. Per domani ancora non ho deciso nulla. Dovrò valutare ogni istante. Perrotta ha fatto bene, fa parte del contesto della rosa ed è un calciatore importante. E’ molto difficile pensare che in un campionato come questo possano giocare sempre gli stessi”.

 

E sul fatto di apparire calmo in panchina ha detto. “Il tempo delle incazzature è finito perché non ottieni nulla. Le partite sono quelle. C’è poca logica in determinate regole del calendario, non serve sottolinearlo. Ci dobbiamo adeguare”.

 

Sull’avversario di domani il tecnico si è espresso così. “E’ una squadra ben allenata con un tecnico capace e competente. Questo è un mix tra giovani ed esperti che hanno preso sul mercato. Da sabato scorso non hanno più giocato. Sono organizzati e per mentalità se la giocheranno. E’ stata una delle prime squadre che ha iniziato il ritiro. Devo dire che è una squadra intraprendente. A Cava andremo a giocarci la partita con gli attributi giusti”.

 

( Foto: SSC Bari )

Tutto su Micol Tortora