giovedì , 26 Maggio 2022
Home » Bari Calcio » Bari, prima pesante sconfitta

Bari, prima pesante sconfitta

I biancorossi perdono per 4 – 1 a Crotone

 

 

Pesante e, soprattutto, inaspettata sconfitta dei biancorossi in quel di Crotone. La squadra biancorossa per almeno trenta minuti del primo tempo è stata in balia della squadra di casa che ha iniziato la gara con l’appiglio giusto, al contrario del Bari che non è mai entrato in partita e che si è fatto sopraffare da un avversario che, sulla carta, era inferiore alla compagine biancorossa. In occasione di questa importante gara dopo il pareggio maturato per 0 – 0 di sabato scorso contro il Pescara ci si aspettava una pronta riscossa ed invece dopo gli investimenti fatti sul mercato il Bari è uscito purtroppo sconfitto per 4 – 1 dallo “Scida” di Crotone. Quello che non si riesce a capire è il perché Nicola abbia cambiato sei giocatori nella quarta giornata di campionato quando per le prime tre aveva mandato in campo la stessa formazione. Contro il Crotone ci si aspettava un passo in avanti ed invece, in attacco Nicola ha schierato Puscas al posto di un Maniero che avrebbe dovuto giocare per migliorarsi. A Crotone, poi, c’è da dire che il tecnico ha cambiato modulo, dal 4 – 3 – 3 al 3 – 4 – 1 – 2. Perché?

 

LE FORMAZIONI:

 

CROTONE ( 3 – 4 – 3 ): Cordaz; Yao; Dos Santos; Ferrari; Zampano; Salzano; Capezzi; Modesto; Stoian; Budimir; Tounkara. A disposizione: Festa; Cremonesi; Martella; Galli; Barberis; Paro; De Giorgio; Firenze; Torromino. All: Juric.

 

BARI ( 3 – 4 – 1 – 2): Guarna; Sabelli; Tonucci; Contini; Del Grosso; Romizi; Porcari; Sansone; Rosina; Gemiti; Puscas. A disposizione: Micai; Di Cesare; Donkor; Valiani; Donati; Defendi; Boateng; Maniero; De Luca. All: Nicola.

 

ARBITRO: Maresca di Napoli.

 

MARCATORI: pt 1′ Tounkera, 20′ Stoian, 25′ Sansone, st 13′ Salzano ( rigore), 30′ Budimir.

 

NOTE: Spettatori : 5261Ammoniti: pt 13′ Romizi, st 13′ Porcari, 15′ Del Grosso, 18′ Maniero, st 7′ Salzano, 27′ Tourkara. Espulsi: 13′ st Contini. Angoli: 4 – 1 per il Crotone. Recupero tempo: pt 1′, st 4′.

 

 

LA CRONACA:

 

Al 1′ minuto del primo tempo il Crotone passa in vantaggio. Cross di sinistro dell’ex Stoian per Tounkera che di destro porta in vantaggio la sua squadra. Al 6′ Crotone vicinissimo al raddoppio con un palo colpito da Capezzi dal limite dell’area. Al 13′ l’arbitro ammonisce Romizi per fallo su Budimir. Al 20′ gran tiro dalla distanza di Stoian che si insacca sulla sinistra di Guarna. Al 25′ azione personale di Sansone che con un gran sinistro dalla distanza che si insacca nel “sette” di Cordaz che porta il Bari sul 2 – 1. Al 35′ punizione di Sansone che finisce di poco a lato sulla destra del portiere di casa.

Al 4′ primo tiro verso la porta avversaria di Puscas deviato in angolo.

 

Nella ripresa mister Juric manda in campo Barberis al posto dell’ex Stoian. Al 7′ ammonito Salzano per fallo su Del Grosso. All’ 11 primo cambio per il Bari. Dentro Maniero, fuori Puscas. Al 13′ rigore per il Crotone per fallo di Contini ( espulso ) per fallo da ultimo uomo. Sul pallone va Salzano che dal dischetto porta sul  3 – 1 il risultato. In occasione del rigore è stato ammonito Porcari per proteste. Al 15′ l’arbitro Maresca ammonisce anche Del Grosso. Al 17′ seconda sostituzione per i biancorossi. Dentro Rada, fuori Del Grosso. Al 18′ sul taccuino dell’arbitro finisce pure Maniero per simulazione. Al 22′ cambio per il Crotone. Fuori Modesto, dentro Martella. Al 27′ mister Nicola manda in campo De Luca al posto di Rosina. Al 30′ Budimir porta il risultato sul 4 – 1. Al 44′ traversa per il Crotone con una potente conclusione di Torromino.

 

90′:

 

Nicola: “Rifarei le stesse scelte visto il nostro modo di stare in campo. Non avevo voglia di concedere il palleggio e i passaggi perché secondo me avevamo speso tantissimo in queste partite. I cambi sono stati doverosi perché altri altri erano in piena forma. Di Cesare ha avuto un problemino. Forse avrei dovuto cambiare anche di più, nel senso per avere veramente la freschezza. Poi sarebbe diventato, gioco o forza, troppo invasiva. Porcari prima della espulsione aveva giocato. Sono stati cambi freschi per poter dare un baricentro più alto alla squadra. Non mi sono piaciuti i primi quindici minuti dove, secondo me siamo stati, così coraggiosi per poter alzare veramente il baricentro e poterli andare a prendere. Nella seconda parte abbiamo fatto nella seconda parte del primo tempo e devo dire che negli spogliatoi ero convinto che si poteva vincere. Non siamo riusciti a vincere, però, come tutte le cose, secondo me, dalle sconfitte c’è sempre qualcosa di positivo così come nelle vittorie. La sconfitta? Secondo me non siamo stati coraggiosi all’inizio e nel momento più bello il rigore ed espulsione credo che sia stato un brutto colpo. Avremmo anche potuto parcheggiare il pullman davanti all’area di rigore, ma io voglio continuare un processo di crescita. Dovremmo essere in grado anche di poter avere coraggio in altri campi anche, se ripeto, non ho parlato di episodi. Secondo me non tutte le cose sono partite da noi. Oggi ha fatto un adattamento utilizzando Gemiti alla mezz’ala e far lo lavorare d’esterno. Ho preferito mettere una mezz’ala che fosse più esperto come Gemiti e accelerare Del Grosso. Poi siamo stati più coraggiosi all’inizio quando avremmo potuto fare quello che abbiamo fatto nella seconda del primo tempo.

 

Romizi: “Non farei troppi drammi. All’inizio avevamo preso le misure ma abbiamo preso un goal a freddo. C’è stato un gran goal vado limite dell’area. Poi dal 15′ in poi abbiamo incominciato a giocare. Sembrava che avessimo priore so la partita. Sembrava che avessimo preso il pallino del gioco accorciando le distanze. Penso che il campionato abbia il suo. Vincere in dieci, come è successo contro lo Spezia è stato importante. A me non piace fare drammi Quella di questa sera è stata una partita che complessivamente fanno giocato meglio loro. È’ da fagli gli applausi perché hanno in totale tenuto loro il gioco, però penso che almeno nella seconda parte del primo tempo e la tua parte del secondo si devono accontentare di questo,Namibia neanche noi ci accontentiamo di questo. Di conseguenza abbiamo una sfida molto importante domenica”.

 

 

Di Micol Tortora

 

Tutto su Micol Tortora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.