mercoledì , 4 Agosto 2021
Home » Bari Calcio » Carrera: “Domani servirà mente lucida per giocare a calcio”

Carrera: “Domani servirà mente lucida per giocare a calcio”

“Dobbiamo cercare – ha detto il tecnico – di dare il massimo e fare più punti possibili”

 

Bari – Paganese. Un altro Bari l’avrebbe affrontata in un altro modo, nel senso che avrebbe fatto un “sol boccone” degli avversari. Purtroppo domani pomeriggio al “San Nicola” non sarà così visto che i biancorossi stanno attraversando un periodo non proprio positivo con i tifosi non soddisfatti delle prestazioni dei loro beniamini. Oggi, alla vigilia della partita contro la Paganese, Carrera ha parlato della delicata partita di domani pomeriggio. “Domani dovremo cercare di dare il massimo per fare più punti possibili. Contro la Paganese dovremo vincere sia per prendere fiducia che per proseguire il nostro percorso”.

 

Fino ad ora, però, le cose non stanno andando come il tecnico avrebbe voluto. “Sono qui per questo. Devo trovare la miglior soluzione per mettere in condizione la squadra di esprimersi al meglio. Non ero un eroe prima e non lo sarò dopo se dovessimo raggiungere l’obiettivo. Cerco solo ed esclusivamente di fare il mio lavoro. Se contro la Paganese dovessimo andare in campo come nelle partite precedenti sarebbe gravissimo. Sappiamo dove abbiamo sbagliato con squadre, sulla carta, inferiori a noi. Sbagliando s’impara

 

Il tecnico ha parlato anche del ritiro che la squadra ha fatto in questa settimana. . “Sta funzionando. Stiamo tutti insieme, si guardano i video e gli errori che si fanno. Stiamo cercando di far capire ai giocatori cosa voglio. Ora bisognerà mettere il lavoro fatto tutto sul campo. Se mi hanno chiamato a sostituire Auteri c’era qualche problema. Questo fa parte del calcio. Anche altre volte mi sono capitate queste situazioni. Credo che si possa uscire solo con la voglia di lavorare e con l’entusiasmo”.

 

Carrera ha parlato anche del reparto difensivo che in queste ultime partite non è stato proprio perfetto. “Valuterò in allenamento. Quelli commessi sono tutti errori di singoli giocatori, frutto di superficialità. Basta poco per cambiare questa situazione. Ho notato che dietro non sono sereni così, al primo errore, ci puniscono. Dobbiamo pensare di essere una buona squadra e giocarcela con tutti. Inoltre dovremo sgombrare la mente da tutte le paure”.

 

E sulle condizioni di Marras ha detto. “Oggi valuteremo. Ieri è uscito durante l’allenamento perché aveva fastidio. Se dovesse giocare potrebbe farlo anche con il 3 – 5 – 2, da esterno di fascia. Personalmente penso sia più utile in attacco. Sarebbe meglio utilizzarlo come esterno alto”.

 

Si è soffermato anche sul reparto offensivo che in questo periodo non sta incidendo. “Gli attaccanti vivono di goal. Ci sono periodi in cui si tocca mezza palla e la mettono dentro ed altri in cui non succede. Non siamo sempre riusciti a servire bene sia Cianci che Antenucci. Gli esterni devono attaccare di più l’area. Nel calcio ci vuole un pizzico di fortuna. L’attaccante è questo”.

 

E sul giovane Mercurio ha detto. “E’ un giovane interessante. Potrebbe essere pronto per giocare”.

 

E su Antenucci… “In settimana abbiamo provato diverse situazioni. So cosa può dare nella sua posizione naturale. Nella rifinitura di oggi vedremo come affrontare la Paganese”.

 

Ha parlato anche degli svincolati e della mancanza del direttore sportivo. “Difficile trovare chi è pronto per giocar subito. Alcuni svincolati non giocano da un anno. La società si sta facendo sentire. Quotidianamente parlo con il presidente visto che è in ritiro con tutti noi. Parliamo e ci confrontiamo. Non mi sento solo. La società mi è vicina”.

 

Si è soffermato anche sull’attuale classifica. “Il nostro obiettivo è fare più punti possibili per poter arrivare secondi. Dobbiamo cercare di farlo per affrontare dei play – off più tranquilli. Sappiamo che è un momento particolare. L’importante sarà lavorare tranquilli e sereni. Cercherò di trasferire questa voglia di fare alla squadra”.

 

Per cambiare il tutto bisognerà ritrovare l’entusiasmo. “Solo ed esclusivamente lavorando trovando qualcosa di positivo, magari un tiro mezzo e mezzo che possa diventare un goal. Servirà qualcosa di positivo che possa far cambiare la mentalità. In questo momento al primo errore si prende goal. A Catanzaro non abbiamo fatto una grande partita però abbiamo avuto occasioni e abbiamo sofferto poco. Ci vuole solo ed esclusivamente un’occasione per cambiare la testa e far capire che siamo una grande squadra. Fino ad ora nessuno ci ha messo sotto. Abbiamo perso solo ed esclusivamente per demeriti nostri e non per meriti altrui”.

 

( Foto: SSC Bari )

 

 

Tutto su Micol Tortora