mercoledì , 25 Maggio 2022
Home » Bari Calcio » “Ci vorrà tanto coraggio e concentrazione”

“Ci vorrà tanto coraggio e concentrazione”

E’ quello che ha detto oggi in conferenza stampa il tecnico Alberti alla vigilia della delicata gara di domani sera al “San Nicola” contro il temibile Latina degli ex Ghezzal e Ristovsky
Dopo i tre punti conquistati sabato scorso a Varese i ragazzi di mister Alberti sono attesi dall’ultimo impegnativo confronto contro una “grande” del campionato, il Latina degli ex Ghezzal e Ristovsky. Il tecnico ha aperto la conferenza stampa facendo gli auguri di Pasqua suoi e da parte di tutti ai giornalisti presenti. “Vorrei fare gli auguri di Pasqua a tutti voi e alle vostre famiglie da parte mia, di tutto lo staff, di tutti i giocatori, del direttore sportivo Guido Angelozzi e del segretario generale Piero Doronzo”.

A questo punto il tecnico biancorosso ha parlato della svolta che il Bari ha avuto. Alberti crede che la svolta sia avvenuta dal mercato di gennaio. “Da quando io e Zavettieri siamo arriovati a Bari abbiamo lavorato tanto sempre con grande impegno. Come in tutti i progetti c’è stato bisogno di tempo ma alla fine abbiamo messo sul tavolo le nosre idee e il nostro modo di lavorare e un certo tipo di mentalità. Il lavoro è partito tanto tempo fa e, forse, in questo momento sta venendo fuori anche attraverso periodi non bellissimi si possono costruire periodi positivi come quello che in questo momento stiamo attraversando. Siamo stati quasi costretti ad aspettare la crescita dei giovani soprattutto dei giovani stranieri, penso a Joao Silva a Lugo a Samnick che ha dato dimostrazione contro il Varese che è cresciuto molto rispetto a qualche tempo fa. Questo è un altro motivo di crescita. Un altro fattore importante secondo me è stato il mercato di gennaio perché sono arrivati cinque giocatori importanti e che sono stati i pezzi di puzzle che mancavano a questa rosa. Il puzzle è stato completato in maniera omogenea e oggi abbiamo du calciatori per ruolo. Nelle ultime settimane per dei piccoli problemi abbiamo dovuto tenere fuori anche sei calciatori e osservando le partite nessuno si è accorto di questo. Questo è un altro fattore importante, inoltre quello che è successo dopo il fallimento è stato un altro fattore determinante perché la spinta dei nostri tifosi ci consente di andare spesso oltre l’ostacolo. Credo, però, che sia stato un insieme di cose che hanno portato la squadra a potersi giocare tutte le partite alla pari, di avere una mentalità sicuramente giusta per questo campionato”.

Il discorso poi è caduto sull’avversario di domani, il Latina. “Il punto fondamentale è stato questo, convincere la squadra a non aver paura, a credere nelle proprie possibilità e a convincere la squadra di tornare a casa sempre con i tre punti in tasca. Il Latina fa parte di quell’otto di squadre che abbiamo incontrato in quest’ultimo periodo. Domani vorremmo finire questo periodo positivo con una vittoria perché abbiamo incontrato tutte le squadre che occupano la parte alta della classifica. L’obiettivo di domani è questo. Il Latina è sicuramente una squadra forte che non a caso è terza in classifica ed ha giocatori importanti per la categoria. E’ una squadra molto solida che interpreta benissimo la serie B di quest’anno. Il Latina è una squadra che concede pochissimo agli avversari e ha delle qualità importanti soprattutto nei giocatori offensivi che possono sempre dare una svolta alla partita. E’ un avversario temibile però noi abbiamo sempre dimostrato di potercela giocare alla pari con gli altri. Domani dovremmo mettere in campo tanto coraggio, massima concentrazione e ci aspettiamo anche che la gente ci possa dare la spinta che per noi in questo momento è fondamentale. Vorei inoltre ricordare l’atteggiamento di questa squadra fuori casa. Non dimentichiamoci che noi abbiamo vinto a Trapani, a Varese, abbiamo pareggiato contro il Crotone e abbiamo fatto benissimo a Palermo perché siamo andati a giocare senza paura perché siamo andati a giocare con quello spirito di sapere che non avevamo modo di scappare, non volevamo farlo. Penso che questo si sia visto in campo. In casa la stagione ha detto che abbiamo sempre fatto bene a prescindere dal periodo. Per fare in modo che i calciatori arrivassero a questo punto abbiamo dovuto tutti insieme lavorare”.

Quella contro il Latina sarà l’ultima gara “difficile” per il Bari. In confronto alla partita contro l’Empoli il gtecnico ha spiegato che quella di doamni sera sarà una gara completamente diversa. “Domani affronteremo una squadra completamente diversa dall’Empoli perché i laziali sono una squadra che gioca con cinque difensori, cinque centrocampisti che cercano di coprire molto bene il campo. Il Latina è una formazione molto abile nelle ripartenze perchè in attacco hanno Paolucci e Jonathan che sono due giocatori temibili. A centrocampo hanno cambiato un pò visto che prima avevano Morrone che era più un mediano e che aveva fatto un’ottima stagione. Oggi con Viviani hanno anche la capacità di ribaltare velocemente il gioco oltre ad essere rapidissimo sui calci di punizione. Domani sarà una partita completamente diversa dall’ultima affrontata in casa. All’Empoli piaceva costruire il gioco iniziando da dietro con una difesa molto alta cosa che non farà mail il Latina. Domani il modo di affrontare la gara sarà completamente diverso. Spero che non sia diverso il risultato”.

Il tecnico del Bari ha avuto parole positive anche per il dottor De Prezzo il quale con il suo lavoro è riuscito a metter su giocatori che in settimana hanno avuto piccoli problemi. “Aspettiamo la rifinitura per constatare le condizioni di alcuni giocatori che in settimana hanno avuto piccoli problemi. Sono tutti disponibili ma è giusto aspettare. Intanto, mi sento di fare un ringraziamento allo staff medico-sanitario e in particolare al dottor Massimo De Prezzo per la sua grande professionalità e massima disponibilità”.
Di Micol Tortora

Tutto su Micol Tortora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.