giovedì , 22 Ottobre 2020
Home » Bari Calcio » Contro la Cavese una vittoria cercata, sofferta e ottenuta

Contro la Cavese una vittoria cercata, sofferta e ottenuta

Dopo la vittoria esterne dell’esordio in campionato a Francavilla i ragazzi di Auteri hanno ottenuto la loro seconda vittoria fuori casa a Cava contro la Cavese. È stata una partita ricca di emozioni dal primo all’ultimo minuto che ha portato alla bellezza di cinque goal. Per i padroni di casa sono andati a segno De Paoli al 14’ della ripresa su rigore e Forte al 41’. Per il Bari hanno segnato Celiento al 24’ e al 45’ e Antenucci al 36’. Per il Bari una bella vittoria che fa morale.

 

 

Bel primo tempo quello del Bari in casa della Cavese. Da subito i biancorossi sono partiti in avanti alla ricerca della rete del vantaggio arrivata al 24’ con Celiento, per lui seconda rete consecutiva, dopo un angolo battuto da Semenzato. Dopo la rete del vantaggio il Bari ha continuato ad attaccare per cercare il raddoppio che non è arrivato. Nel corso dei primi quarantacinque minuti si è assistito ad un pressing a tutto campo da parte di entrambe le squadre con ritmi alti.

 

La ripresa è incominciata con i padroni di casa entrati in campo più determinati rispetto al Bari tant’è che al 14’ De Paoli pareggia. Dopo il pareggio Auteri ha mandato in campo anche i nuovi acquisti, Citro e Montalto. Al 36’ i ragazzi di Auteri si portano in vantaggio con Antenucci che, dal dischetto dell’area di rigore, si gira e batte Bisogno. Gli ultimi minuti di gara sono stati davvero da cardiopalma visto che la Cavese è riuscita a pervenire al pareggio al 41’ con l’ex Milan, Forte. Dopo tre minuti i biancorossi si riportano in vantaggio con Celiento dopo una punizione battuta dal nuovo entrato Citro, smanacciata male da Bisogno. Sulla palla e’ intervento di testa il solito Celiento che ha messo dentro. Al 49’ il Bari avrebbe potuto segnare anche il quarto goal su un tiro di D’Ursi respinto da Bisogno.

 

 

Cavese ( 4 – 3 – 3 ): Bisogno, Tazza, Martino, De Franco, Ricchi, Pompetti, Esposito, Cuccurullo, Senesi, De Paoli, Nunziante. A disposizione: D’Andrea, Semeraro, Donzetto, Canistra’, Marzupio, Favasuli, Digilio, De Rosa, De Luca, Onisa, Migliorini, Montaperto, Forte, Oviszach. All: Modica

 

Bari ( 3 – 4 – 3 ): Frattali, Celiento, Minelli, Perrotta, Ciofani, Maita, Lollo, Semenzato, Marras, Antenucci, Candellone. A disposizione: Marfella, Liso, Sabbione, D’Orazio, Di Cesare, De Risio, Bianco, Corsinelli, D’Ursi, Montalto, Citro. All: Auteri

 

Ammoniti: Semenzato, Favasuli, Onisa. Espulsi: Angoli: 6 – 4. Recupero tempo: p.t. 0’; s.t. 5’

 

 

ARBITRO: Colombo di Como

 

 

MARCATORI: p.t. 24’ Celiento; s.t. 14’ De Paoli ( rig. ); 36’ Antenucci; 41’ Forte; 44’ Celiento

 

 

LA CRONACA:

Al 4’ tiro rasoterra di Antenucci, parata senza problemi di Bisogno. Dopo un minuto ancora Bari, ancora con Antenucci. Cross deviato di Marras, Antenucci anticipa Matino con un colpo di testa, ma la palla va fuori. Al 15’ Antenucci riceve palla in area piccola, ma perde l’attimo per la conclusione. Sulla palla interviene Marras che tira, ma la sfera viene deviata in angolo. Al 17’ tiro di De Paoli parato da Frattali. Al 22’ tiro di sinistro di Marras di poco fuori. Al 24’ i biancorossi si portano in vantaggio. Angolo battuto da Semenzato, liscio di Pompetti che favorisce l’inserimento di Celiento che mette dentro. Al 28’ tiro di Antenucci che, dopo aver saltato due avversari, entra in area, tira, ma il suo tiro viene respinto di piede in angolo da Bisogno. Al 45’ padroni di casa pericolosi. Cross dalla destra di De Paoli, palla che arriva a Nunziante che dal dischetto di rigore manda a lato.

 

Nella ripresa, al 2’, Cavese vicinissima al pareggio. Retropassaggio sbagliato di Lollo, ne approfitta Ricchi che, a tu per tu con Frattali perde il tempo di calciare e si fa rimontare da Minelli. All’11’ doppio cambio per la Cavese. Dentro Montaperto e Onisa, fuori Senesi ed Esposito. Al 14’ rigore per i padroni di casa. Buona giocata di Cuccurullo che viene messo giù da Perrotta. Sul pallone va De Paoli che spiazza Frattali. Al 20’ doppio cambio per il Bari. Dentro D’Ursi e Bianco, fuori Candellone e Lollo. Al 24’ ammonito Semenzato per fallo su Pompetti. Al 28’ doppio cambio per la Cavese. Dentro Forte e Favasuli, fuori Ricchi e Pompetti per infortunio. Al 29’ ammonito Favasuli. Sempre allo stesso minuto Auteri manda in campo D’Orazio per Ciofani. Al 34’ doppio cambio per i biancorossi. Dentro Citro e Montalto, fuori Marras e Semenzato. Per la Cavese dentro Marzupio, fuori De Paoli. Al 35’ ammonito Onisa per fallo su Celiento. Al 36’ il Bari si porta in vantaggio. Punizione per i biancorossi, deviazione che spiazza la difesa, palla che finisce ad Antenucci che si gira in area e batte il portiere di casa. Al 41’ i padroni di casa pareggiano. Cross di Montaperto, conclusione di Favasuli, respinta corta di Frattali, interviene sulla palla Forte che manda dentro. Al 44’ il Bari si riporta in vantaggio. Calcio di punizione di Citro, esce male Bisogno, la palla arriva a Celiento che di testa manda dentro. Per lui una doppietta. Al 49’ il portiere di casa evita il 4 – 2 respingendo un tiro di D’Ursi.

 

 

90’:

Auteri: “Sarebbe stato un delitto non vincere questa partita, senza nulla togliere all’avversario. La Cavese si è presentata a questa gara dopo giorni di partite non giocate, al contrario nostro che abbiamo, con questa, disputato la quarta partita in quindici giorni. Era impossibile che questa cosa non si facesse sentire. Quella di oggi è stata da parte dei ragazzi una prestazione autorevole. Il risultato è stato un risultato sofferto. È rimasto in bilico fino alla fine perché abbiamo sciupato tanto. Loro hanno concretizzato tutto quello che hanno costruito. Le condizioni del campo non erano molto perfette. In campo dovremo essere più martellanti. Bisogna ricordare però che abbiamo tanti giocatori che sono arrivati dopo come Lollo, Semenzato, Citro, Montalto. Dovremo solo lavorare tutti insieme”.

 

Con quella odierna il tecnico ha raggiunto la sua trecentesima vittoria in carriera. Ecco cosa ha detto a tal proposito. “Sono statistiche che non tengo in considerazione. Non lo sapevo neanche. Nel calcio ciò che è stato, è stato. Voglio concentrarmi su quello che deve essere. Abbiamo giocato contro una squadra che non molla mai. Siamo in grado di crescere perché abbiamo qualità. Per quanto mi riguarda  il primo tempo è stato ottimo. I nostri ritmi sono stati intensi. Abbiamo bisogno di stare tutti bene fisicamente e, in questo momento, il gruppo non è molto omogeneo da questo punto di vista”.

 

Non pensa che ci siano state distrazioni di troppo. “Non abbiamo quasi mai dato occasioni da rete. Purtroppo siamo stati castigati su due episodi abbastanza banali. Anche a Teramo e a Francavilla abbiamo concesso poco. Mi aspettavo un calo. Antenucci è stato encomiabile. Anche i giocatori che hanno giocato sempre è molto probabile che possano calare. Per quanto riguarda il risultato è ampiamente meritato”.

 

Dopo questa trasferta il Bari non tornerà in sede visto la prossima partita in trasferta a Viterbo. “Dopo questa trasferta non torneremo a Bari. Se dovessimo fare il viaggio di ritorno per poi andare a Viterbo sarebbe stancante. Andremo a Roma ad allenarci. Si alleneranno di più i giocatori che hanno giocato meno. Appena il calendario ce lo consentirà avremo il tempo per rimettere tutti insieme dal punto di vista fisico e la nostra espressione tattica crescerà”.

 

Tutto su Micol Tortora