lunedì , 13 Luglio 2020
Home » Bari Calcio » Cornacchini: “Le partite prima e dopo le feste sono complicate”

Cornacchini: “Le partite prima e dopo le feste sono complicate”

“Contro il Troina – ha aggiunto il tecnico – non eravamo al meglio e non siamo riusciti a fare la partita che volevamo”

 

Rotonda – Bari, ultima contro la prima in classifica. Domani i biancorossi affronteranno una formazione che, pur essendo ultima, nel mercato invernale si è rinforzata di molto, per cui i ragazzi di Cornacchini dovranno fare attenzione ed entrare in campo con la giusta mentalità. Oggi, nella consueta conferenza stampa pre – partita, il tecnico biancorosso ha esordito parlando proprio della partita di domani pomeriggio. “Le partite prima e dopo le feste sono complicate. Bisognerà provare a vincere. Per quanto riguarda il reparto offensivo sarà difficile vedere Neglia, Floriano e Simeri giocare insieme”.

Fino ad ora il Bari è la formazione di tutta la Serie D ancora imbattuta. Ecco il pensiero di Cornacchini in merito. “Non li guardo. A me interessa raggiungere l’obiettivo a maggio. Per carità, fa piacere, ma sono solo passi intermedi per il successo finale”.

Poi il tecnico è tornato a parlare della partita di mercoledì scorso contro il Troina. “Non eravamo al meglio e non siamo riusciti a fare la partita che volevamo. Con Bianchi e Mattera terzini era difficile sviluppare gioco. Sapevo di queste difficoltà, ma dovevo prevenire gli errori. Ero consapevole del fatto di non poter giocare bene, ma mi interessava prendere i tre punti”.

E su Iadaresta ha detto. “Vediamo come si mette durante la partita, dipende dai giocatori che mi serviranno. Lui di testa ti da una grossa mano. Con un giocatore di tali caratteristiche devi giocare molto dentro l’area. Per domani non partirà dall’inizio”.

E sulla pressione che questa squadra ha ha risposto così. “Io mi candido a finire bene quest’annata. Non penso a nient’altro e al resto. Non penso al dopo, ne ho viste talmente tante che non mi faccio illusioni per il futuro. Sicuramente mi piacerebbe far crescere questa creatura, ma per ora non ci penso”.

Tutto su Micol Tortora