sabato , 27 Novembre 2021
Home » Bari Calcio » D’Errico: “Non si è ancora visto il vero Bari”

D’Errico: “Non si è ancora visto il vero Bari”

“Sarà importante – ha aggiunto il centrocampista – andare oltre agli episodi sfavorevoli”

 

Domani, al “San Giovanni Paolo II” di Francavilla il Bari dovrà dimostrare, dopo il pareggio interno contro il Foggia, che quello che è successo contro i ragazzi di Zeman è stato solo un piccolo stop visto che i biancorossi essendo primi in classifica dovranno dimostrare a tutte le squadre che affronteranno di non averr paura di nessuno. Oggi, in conferenza stampa, ha presentato la prossima gara non Mignani, ma D’Errico il quale è tornato a parlare della gara contro il Foggia. Ecco le sue parole. “Per il derby contro il Foggia dobbiamo ringraziare i tifosi. Per quanto mi riguarda è stata la prima volta di fronte a così tanta gente venuta a sostenerci. Contro i rossoneri abbiamo trovato qualche difficoltà perché sono riusciti a non dare punti di riferimento in fase di possesso e abbiamo  sofferto sugli esterni. Siamo entrati in campo per fare la nostra gara, partita che è stata meno brillante rispetto alle altre volte. Posso dire, però, che abbiamo creato occasioni. Sicuramente avremmo potuto chiuderla in un paio di occasioni, ma quando questo non arriva l’importante è sempre portare a casa un punto. Ripeto, quando si passa in vantaggio bisogna in tutti i modi chiudere le partite in quanto basta solo un episodio per farla riaprirla così come è successo a Campobasso. Non sempre si riesce a vincere. In seguito servirà molta più cattiveria. Il derby con il Foggia l’abbiamo già archiviato”.

 

E sul campo sintetico che troveranno domani pomeriggio ha detto. “Purtroppo non siamo abituati ad allenarci e giocare su questo tipo di campo. Non riuscirei a fare paragoni con le partite d’inizio stagione perché eravamo in ritardo di condizione. Affronteremo una buona squadra per cui dovremo essere molto bravi ad interpretare la gara. Il nostro piccolo problema è che andiamo un po’ in difficoltà con le retroguardie a tre e il centrocampo a cinque. Dovremo cercare di essere perfetti nelle scalate e tenere palla il più possibile. Faremo di tutto per limitarli”.

 

Il centrocampista ha parlato anche del suo rapporto con l’allenatore. “Qualche volta faccio arrabbiare il mister ma questo fa parte del gioco. Tra me e lui non ci sono mai state discussioni. Il mister mi chiede tante cose come far bene la fase difensiva. Ogni tanto mi addormento e lui fa bene a riprendermi. Per quanto riguarda la fase offensiva mi lascia libero. Dovrò cercare di essere più decisivo fra assist e goal, ma è soprattutto in fase di copertura che lavora con me”.

 

E su di se ha detto. “Devo essere più decisivo nell’ultimo passaggio e cercare scelte migliori. Alcune volte tento la giocata difficile mentre dovrei operare al meglio per i miei compagni. Mi auguro di far vedere ai tifosi il D’Errico di Monza. Fino ad ora abbiamo dimostrato solo il sessanta per cento di quello che potremmo dare. Questa è una squadra formata da tanti giocatori nuovi per cui ci vorrà tempo. In generale si parla spesso del Bari e tanti dovrebbero pensare di più alle loro squadre”.

 

E sulle sviste arbitrali subite fino ad ora non si è voluto esporre più di tanto. “Non parlo mai di questo tema perché non mi piace parlarne. E’ vero, però, che ci stanno un po’ sfavorendo. Per ora questo fattore gira storto. Forse, tra qualche partita, l’aspetto sarà più favorevole. Dobbiamo sempre cercare di vincere per noi stessi. Quello che fanno le altre squadre non ci deve interessare. Dovremo cercare solo di dare continuità di risultati e di prestazione”.

 

( Foto: SSC Bari )

Tutto su Micol Tortora