mercoledì , 5 Agosto 2020
Home » Bari Calcio » I primi cento giorni di De Laurentiis

I primi cento giorni di De Laurentiis

Conferenza stampa del presidente del Bari e del club manager Scala sull’attuale presente e sul futuro della squadra

 

Si è tenuta questa mattina presso l’Hotel “Parco dei Principi” una conferenza stampa congiunta del presidente Luigi De Laurentiis e del club manager Scala i quali hanno tracciato un bilancio di questi primi cento giorni. A prendere subito la parola è stato proprio il presidente. Ecco le sue parole. “Questi cento giorni possono essere paragonabili ad una attività sportiva pari a trecento sessanta cinque giorni dell’anno. Abbiamo costruito un gruppo di lavoro in pochissimo tempo, siamo partiti da zero e abbiamo creato una squadra per sostenere il campionato. Siamo l’unica squadra imbattuta in serie D e questo è un motivo d’orgoglio. Per questo devo ringraziare tutti coloro che hanno lavorato, dal mister a coloro che si sono prodigati per sistemare lo stadio, la campagna abbonamenti e tutto ciò che serviva per affrontare il campionato. Ho scelto di vivere a Bari per seguire le cose in prima persona. Vogliamo costruire un percorso di successo, per questo ogni scelta è fatta con spirito imprenditoriale”.

De Laurentiis si è soffermato anche sul campionato. “Il campionato è lungo e va onorato fino alla fine. Tutta l’Italia ci guarda. Dobbiamo provare a rifare il percorso fatto dalla stessa proprietà altrove. Ogni partita, dato che sono trasmesse su Dazn, ha una rilevanza e osservatori speciali. Ogni partita ha le sue difficoltà”.
Il presidente ha parlato anche delle dichiarazioni fatte in questi giorni dal tecnico della Turris. “Il Bari ha sempre vinto. Le dichiarazioni altrui servono per stuzzicare. Fino a quando il Bari vince non mi faccio questo problematiche. Per quanto riguarda le dichiarazioni dell’allenatore della Turris, di certo non abbiamo scelto noi di partire dalla serie D. In caso di torti noi andiamo a protestare nelle sedi opportune e non sui giornali”.

A questo punto a prendere la parola è stato il club manager Scala, il quale ha voluto ringraziare pubblicamente proprio il presidente. “Vorrei ringraziare pubblicamente il presidente il quale ci ha permesso di costruire una squadra competitiva nonostante le difficoltà”.

E sui rigori subiti e dati si è espresso così. “Come linea societaria non ci siamo mai soffermati sulle decisioni arbitrali, sia a nostro favore che contro. Vorrei anche dire che non siamo la prima squadra che riparte dall’Interregionale, in quanto le regole c’erano già prima. Abbiamo avuto più rigori contro che a favore”.

Il Bari e il mercato invernale. Per Scala la squadra sta bene così. “Abbiamo calciatori di altissimo livello, soprattutto a centrocampo. Non credo che ci sia bisogno di nuovi innesti. Sono stati fatti investimenti per non lasciare nulla al caso, il gruppo è collaudato. Se serviranno piccoli interventi la proprietà si è resa disponibile a gennaio”.

De Laurentiis poi ha parlato anche dello stadio. “Per quanto riguarda lo stadio dobbiamo ancora capire la concessione che durata avrà. Noi vorremmo una gestione lunga, per lavorare compatti insieme al Comune per ristrutturare il “San Nicola”. Non l’ho trovato così malmesso. Bisogna fare solo un restyling”.

Il presidente ed il rapporto città/tifosi. “La città ha visto l’impegno che ci stiamo mettendo e quanto fatto da mio padre con un’altra società. Stiamo provando a costruire un rapporto solido, non mi aspettavo una partecipazione di pubblico a questi livelli in serie D. Stiamo cercando di dare per l’anno prossimo al pubblico un prodotto valido che serva alla squadra come uomo in più. La partecipazione della città ha motivato tutti, dai tifosi ai calciatori”.

De Laurentiis e la multiproprietà. ” È un po’ presto per chiederselo ora. Tante volte le regole sono state cambiate. Al momento è uno dei pensieri, ma a me interessa salire di categoria. Ci aspettano tante avventure. Ora voglio costruire un percorso che in futuro possa essere considerato un esempio di condizione calcistica”.

E sul futuro si è espresso così. “”La serie C è un campionato difficile, dove gli investimenti sono importanti. Peccato che non abbia la visibilità televisiva che dovrebbe avere. A gennaio l’agenda riguarderà il business – plan. Lavoreremo per l’impegno in C”.

 

(Foto: Baritoday )

Tutto su Micol Tortora