giovedì , 1 Ottobre 2020
Home » Bari Calcio » Il Bari conquista tre punti importanti in chiave classifica

Il Bari conquista tre punti importanti in chiave classifica

Contro il Catanzaro del neo – tecnico Grassadonia i biancorossi s’impongono per 2 – 0 con le reti di Awua al 13’ del primo tempo e con il raddoppio di testa di Antenucci al 15’ della ripresa. Con questa vittoria il Bari sale al quarto posto in classifica con 21 punti, 4 in meno della neo – capolista Reggina

 

Il primo tempo tra Bari e Catanzaro è incominciato forte da parte dei biancorossi che si sono visti subito al 9’ con una conclusione di sinistro di Costa uscito di poco. E al 13’ i padroni di casa si l’ortano in vantaggio grazie ad una rete di Awua servito da Costa su un disimpegno errato di Maita. Dopo di che si è visto un Catanzaro che ha avuto un possesso palla timido, ma questo l’ossesso palla non ha preoccupato più di tanto i biancorossi. Al 45’, poi, i ragazzi di Vivarini sono andati vicinissimi al raddoppio con Berra che non è riuscito a sfruttare un bell’assist di Costa.

 

Nella ripresa i biancorossi sono entrati in campo ancora motivati a fare risultato pieno e, al 15’, su cross di Berra dalla destra, Antenucci di testa batte Di Gennaro che non può far nulla. Al 35’ il Catanzaro poteva andare sul 2 – 1 con un tiro a giro sul secondo palo di Kanoute di poco al lato.

 

Bari ( 3 – 5 – 2 ): Frattali, Sabbione, Di Cesare, Perrotta, Berra, Awua, Bianco, Scavone, Costa, Antenucci, Simeri. A disposizione: Marfella, Liso, Esposito, Corsinelli, Cascione, Kupisz, Folorunsho, Floriano, Neglia, Ferrari, Terrani, Schiavone. All: Vivarini

 

 

Catanzaro ( 3 – 4 – 3 ): Di Gennaro, Figliomeni, Martinelli, Quaranta, Statella, Maita, Tassone, Favalli, Kanoute, Fischnaller, Nicastro. A disposizione: Adamonis, Tascone, Cali’, Giannone, Reggio, Signorini, Elizalde Ferreira, Bianchimano, Casoli, Pinna, Nicoletti, Risolo, Mangni. All: Grassadonia

 

Spettatori: 12.386 di cui 223 ospiti. Ammoniti: Nicastro, Martinelli, Frattali, Maita. Espulsi: nessuno. Angoli: 1 – 1. Recupero tempo: p.t. 0; s.t. 5’

 

ARBITRO:  Rutella di Enna

 

MARCATORI: p.t. 13’ Awua; s.t. 15’ Antenucci

 

 

LA CRONACA:

Al 9’ conclusione di sinistro di Costa di poco fuori sulla sinistra di Di Gennaro. Al 13’ il Bari si porta in vantaggio. Maita serve Costa che gira la palla ad Awua, uno – due con Simeri e tiro angolato preciso di Awua ed è la rete dell’1 – 0. Al 39’ diagonale di Kanoute parato a terra da Frattali. Al 45’ Bari vicino alla rete del vantaggio con Berra servito da un assist di Costa, ma il giocatore non riesce a coordinarsi e a concludere in rete.

 

Nella ripresa, al 10’ dentro Schiavone, fuori Scavone. Al 12’ ammonito Nicastro per una trattenuta su Di Cesare. Al 15’ il Bari raddoppia. Cross dalla destra di Berra, colpo di testa di Antenucci e palla a fin di palo. Al 16’ doppio cambio per gli ospiti. Dentro Giannone e Risolo, fuori Nicastro e Tascone. Al 20’ gran diagonale di Simeri non trattenuto da Di Gennaro. Al 22’ ammonito Martinelli per fallo su Simeri. Al 26’ triplo cambio per il Catanzaro. Dentro  Bianchimano, Casoli e Signorini, fuori Favalli, Fischnaller e Figliomeni. Al 30’ doppio cambio per il Bari. Dentro Corsinelli e Terrani, fuori Costa e Bianco. Dopo un minuto Vivarini manda in campo Folorunsho che prende il posto di Awua. Al 35’ buona iniziativa di Kanoute su punizione. L’attaccante entra in area, tiro a giro sul secondo palo con palla che va di poco alta all’incrocio dei pali. Al 40’ dentro Kupisz, fuori Di Cesare. Al 41’ ammonito Frattali per perdita di tempo. Al 44’ ammonito Maita per fallo su Kupisz.

 

90’:

De Laurentiis: “Sono molto contento della prestazione dei ragazzi. E’ stato fondamentale non lasciare questi punti per strada. In questa settimana ci sono state tre partite importanti e questa sera abbiamo dato una bella risposta alla classifica. Saliamo a 21 punti e ne sono orgoglioso. L’imbattibilità dei portieri in casa? Un dato importante che è merito anche dell’allenatore. Vivarini ha preparato la squadra in queste settimane e ha cambiato la concentrazione e la motivazione dei giocatori. Ora si vede un gioco ordinato e la difesa sta facendo un bel lavoro”.

 

E sulle verticalizzazioni mancate il presidente ha detto. “Penso che sia dovuto al fatto che la squadra ha sentito molto la partita. Prima dell’inizio della gara, parlando negli spogliatoi, si avvertiva la tensione. Questo era normale. Il campionato è difficile e il Catanzaro aveva appena cambiato allenatore. C’erano delle incognite anche perché loro potevano avere più motivazioni. Stiamo facendo un filotto di partite difficili come quelle che verranno dopo. Era complicato vincere oggi”.

 

E sui tifosi accorsi questa sera allo stadio ha detto. “Noi a Bari possiamo fare la differenza. Ci guarda tutta Italia. Siamo la sesta tifoseria italiana, con 1.100.000 di tifosi in Italia. Oltre ad aiutare il morale dei giocatori e della società che si sta impegnando tanto è fondamentale per far capire quanto è importante il tifo in questa città”.

 

 

 

 

 

 

 

Tutto su Micol Tortora