sabato , 28 Maggio 2022
Home » Bari Calcio » Il Bari saluta i suoi tifosi

Il Bari saluta i suoi tifosi

 

Ieri sera dopo essere stati ricevuti a Palazzo di città dal sindaco che ha conferito ai ragazzi di mister Alberti una targa per tutto quello che hanno fatto nel corso del campionato di ritorno, il Bari ha salutato in Piazza Libertà tutta quella gente che li ha sostenuti

 

 

Sabato sera diverso per i giocatori del Bari. Sicuramente quello di ieri molti ragazzi biancorossi non lo scorderanno così facilmente. Dopo aver attraversato su un bus dell’Amtab coperto a causa del maltempo presente ieri a Bari, Guarna e compagni sono arrivati in P.zza Libertà dove erano attesi da circa cinquemila tifosi che attendevano con pazienza l’arrivo dei loro beniamini. Prima dell’abbraccio alla città, i giocatori biancorossi sono stati ricevuti al Comune dal sindaco uscente, Michele Emiliano, dal neo sindaco Decaro e dal prefetto di Bari. Alla manifestazione erano presenti anche i due curatori fallimentari oltre che dai giornalisti. Il sindaco uscente h conferito a tutta la squadra, staff tecnico compreso, una targa con su scritto “Bari saluta la Bari”. A fine manifestazione ha preso la parola Gianluca Paparesta che un po’ commosso ha ringraziato tutti. Ecco le sue parole. “Vorrei ringraziare chi ha permesso di arrivare a questo punto e quindi tutto lo staff tecnico, i due allenatori, il direttore sportivo e tutta la squadra per quello che hanno fatto. Se noi oggi siamo qui e se abbiamo vissuto un sogno e grazie a loro che hanno creduto e sono stati veramente un gruppo fantastico. Volevo dire grazie anche al pubblico che ha dato quel supporto, quel far si che la squadra avesse la forza di compattarsi e di andare avanti. Un grazie anche a coloro i quali hanno creduto nel pubblico e hanno dato la possibilità a questa società di continuare a vivere e mi riferisco ai due curatori fallimentari. Colgo l’occasione per dare un segnale da parte della squadra, da parte dei ragazzi e da parte di tutti per questa magnifica accoglienza. Non è facile perdere un playoff, accettare anche delle ingiustizie che si sono verificate. Ringrazio ancora i ragazzi per essere qui questa sera, voler rimanere a Bari perché in questi giorni potevano andare in vacanza già da mercoledì sera. Io credo che era giusto dare a questa squadra un tributo. Questo è stato fatto in veste istituzionale dal sindaco, Michele Emiliano, che ringrazio per le belle parole. Io a lui devo molto perché è stata una persona che ha voluto che partecipassi a questa giunta un po’ di tempo fa. Ha creduto in me ed io con tutte le mie forze ho cercato di ripagare la sua fiducia. Come simbolo diamo al sindaco la maglietta del Bari con il suo nome dietro e l’effige di San Nicola e dedicarla a lui. Inoltre vorrei regalare questo pallone all’istituzione comune. Questo pallone, autografato da tutti i protagonisti, rimarrà nella bacheca del Comune. Sento il dovere in veste istituzionale di ringraziare il prefetto che ha consentito al pubblico di gioire e a prendersi anche delle responsabilità legittime nel suo ruolo. Non tutti potevano fare quello che ha voluto fare il prefetto. Per questo un grazie particolare ( altro pallone ) per aver consentito alla città di godere di questa serata. Poi colgo l’occasione visto che ho avuto una visita inaspettata ad un amico internazionale che è stato sempre vicino alle sorti della squadra visto che mi informava sempre sulle notizie legate alla squadra. Inoltre mi ha dato anche dei suggerimenti, delle opportunità trovandomi dei contatti internazionali per far si che questa squadra potesse continuare a vivere rilevandola dal fallimento. Non è un socio, è solo un amico in questo momento. Io ringrazio mister Kostantin per essere venuto qui questa sera”.

 

Di Micol Tortora

 

 

Tutto su Micol Tortora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.