sabato , 25 Giugno 2022

Il Bari tenta la fuga

Con la vittoria per 3 – 1 sul Taranto i biancorossi allungano ancora in classifica e oggi sono anche campioni d’inverno

 

Il derby Bari – Taranto mancava da circa trent’anni. Quelle tra le due squadre sono sempre stati derby disputati sempre con la giusta “cattiveria” agonistica. Anche questo pomeriggio si è assistita ad una bella partita giocata da entrambe le formazioni. Alla fine ha prevalso la qualità della squadra di Mignani. Questa sera Frattali e compagni sono a più otto sulla Turris e sul palemo, prossimo avversario e sono a tutti gli effetti campioni d’inverno.

 

Primo tempo positivo e giocato quello tra Bari e Taranto che ha visto i biancorossi chiuderlo in vantaggio di due reti a zero arrivate la prima al 13’ grazie a una bella punizione calciata da Pucino e la seconda arrivata su un tiro di sinistro dal limite di Botta deviata da Granata. Queste sono state le verre ed uniche occasioni importanti. Il Taranto si è mosso bene, ha cercato di bloccare il centrocampo biancorosso ed impedire loro le ripartenze, ma gli ospiti non sono mai riusciti ad impensierire Frattali.

 

La ripresa è iniziata così come i primi quarantacinque minuti con il Bari che ha iniziato a fare la partita e gli ospiti a ripartire in contropiede. Al 15’ il Bari triplica. Bell’azione di Paponi che serve in area Antonucci che con un preciso diagonale di destro ha battuto Chiorra. Gli jonici non ci stanno e al 27’ Giovinco si procura un rigore. Sul dischetto si presenta Sereniti il cui tiro viene respinto da Frattali, il più lesto ad arrivare sul pallone è Giovinco che batte con un diagonale il portiere di casa. Dal 27’ poi ci sono state molte sostituzioni. Alla fine il risultato non è più cambiato.

 

Bari ( 4 – 3 – 1 – 2 ): Frattali, Pucino, Celiento, Terranova, Mazzotta, Mallamo, Maita, D’Errico, Botta, Paponi, Antenucci. A disposizione: Polverino, Gigliotti, Bianco, Simeri, Cheddira, Citro, De Risio, Lollo, Di Gennaro, Belli, Scavone, Ricci. All: Mignani

 

Taranto ( 3 – 5 – 2 ): Chiorra, Granata, Zullo, Benassai, De Maria, Labriola, Civilleri, Marsili, Giovinco, Saraniti, Mastromonaco. A disposizione: Antonino, Zecchino, Tomassini, Falcone, Santarpia, Bellocq, Pacilli, Versienti, Cannavaro, Italeng. All: Laterza

 

Ammoniti: Giovinco, Granata, Marsili, Celiento, Zullo, Pacilli. Espulsi: nessuno. Angoli: 5 – 4 per il Bari. Spettatori: 11.024. Recupero tempo: p.t. 1’; s.t. 5’

 

ARBITRO: Manarelli di Ciampino

 

RETI: p.t. 13’ Pucino; 42’ Granata ( aut. ); s.t. 15’ Antenucci; 27’ Giovinco

 

LA CRONACA:

Al 4’ angolo per il Bari. Dalla bandierina batte Botta, sulla palla arriva Celiento che tira di sinistro ma la palla finisce fuori sulla sinistra di Chiorra. Al 13’ i biancorossi si portano in vantaggio. Punizione di destro calciata dal limite da Pucino, dopo un fallo concesso per atterramento su Paponi, la palla, angolatissima, batte il portiere ospite. Al 28’ tiro dalla distanza di Labriola, fuori. Al 30’ ammonito Giovinco. Dopo tre minuti ancora una punizione calciata da Pucino con Chiorra che alza in angolo. Al 37’ contropiede per il Bari. Paponi serve molto bene Mazzotta che si allunga la sfera. Tre minuti dopo ammonito Granata. Al 42’ il Bari raddoppia. Conclusione dal limite di Botta deviata di spalle da Granata che beffa il suo portiere.

 

Nella ripresa, al 1’, ammonito Marsili per gioco falloso. Al 3’ Marsili da calcio d’angolo cerca di beffare Frattali che alza in angolo. Al 15’ i padroni di casa triplicano. Paponi serve in area Antenucci che con un destro rasoterra batte in diagonale Chiorra sulla sua destra. Al 20’ doppio cambio per il taranto. Dentro Bellocq e Versienti, fuori Labriola e De Maria. Al 23’ doppio cambio anche per il Bari. Dentro Cheddira e Di Gennaro, fuori Paponi e Botta. Al 27’ rrigore per il Taranto. Bellocq serve Giovinco che viene messo giù da Celiento. Sul dischetto si posiziona Sereniti che tira, ma il suo tiro viene respinto da Frattali Sulla sfera arriva prima di tutti Giovinco che batte in diagonale il portiere di casa. Al 29’ dentro Santarpia, fuori Civilleri. Al 33’ dentro Scavone e Bianco, fuori Mallamo e Maita. Dopo tre minuti tiro di Cheddira dalla distanza parato da Chiorra. Al 41’ ammonito Zullo per fallo su Antenucci. Al 43’ dentro Pacilli, fuori Giovinco. Al 44’ dentro Gigliotti, fuori D’Errico. Al 47’ ammonito Pacilli per fallo su Gigliotti.

 

90’:

Mignani: “Siamo contenti per com’è andata. Non potremmo dire il contrario. In ogni gara non  c’è nulla di scontato. Ogni cosa che si fa è frutto del lavoro che si fa quotidianamente. Ci godiamo questa serata. Da martedì incominceremo a pensare al Palermo. Devo dire che la squadra sta dimostrando un atteggiamento positivo già da diverso tempo. Entrano in campo sempre con attenzione e personalità. Sono sempre dell’idea che la prestazione può essere sempre migliorata cercando di fare più reti possibili e cercare di fare attenzione a non prenderle. Ci vuole sempre equilibrio. Il campionato non è neanche a metà”.

 

Si è espresso anche su chi, in questo momento, sta giocando meno degli altri. “Personalmente sto cercando di tenere tutti sulla corda. Il dispiacere, dopo la grande gioia di questo pomeriggio, va a quelli che giocano di meno ma che hanno dato grande contributo nella prima parte di stagione e che aiutano a tenere alta la qualità della squadra. Abbiamo tante alternative, soluzioni e giocatori che se giocassero farebbero molto bene se non meglio. Ho a disposizione una rosa importante per cui avremo bisogno di tutti”.

 

Ha avuto parole più che positive sui tifosi. “Questo pomeriggio sono stati meravigliosi. Ieri sono passati dall’albergo per farci capire l’importanza della partita e i ragazzi hanno dimostrato sul campo che stanno tutti lavorando per un preciso obiettivo che tutti noi conosciamo. Questo è ancora lontano ma stiamo cercando di costruirlo mattone dopo mattone”.

 

Ha anche parlato di Paponi, Maita e Antenucci. “Paponi sa fare un po’tutto, lavora per la squadra ed è sempre presente in area. Ora sta bene. Mi è dispiaciuto toglierlo in quanto aveva voglia di fare goal ma è stato giusto dare spazio anche a chi gioca meno. Per quanto riguarda Maita è un giocatore che può fare tutti i ruoli del centrocampo. Ancora non conosce fino in fondo quali sono le sue vere  potenzialità. Su Antenucci posso dire che è un grande professionista. In questo momento sta bene e corre per tutti i 90’ come un ragazzino e in questo momento si sta divertendo. Come calcia lui ce ne sono pochi in categoria”.

 

( Foto: SSC Bari )

Tutto su Micol Tortora