giovedì , 1 Ottobre 2020
Home » Bari Calcio » Il Bari torna alla vittoria. Ma quanta sofferenza nel finale

Il Bari torna alla vittoria. Ma quanta sofferenza nel finale

Le reti di Antenucci al 30’ del primo tempo e di Perrotta al 5’ della ripresa regalano tre punti importanti per la classifica. Brividi finali dopo la rete di Albadoro al 30’. Con questa vittoria i ragazzi di Vivarini salgono al secondo posto a meno sette dalla Reggina e a più due dal Monopoli

 

 

Primo tempo senza grandi emozioni quello tra Bari e Avellino. I padroni di casa hanno fatto la partita e gli irpini sono rimasti ad attendere i biancorossi nella loro metà campo. Al 30’ e’ stata una girata di sinistro di Antenucci a sbloccare una partita che non riusciva a sbloccarsi. Gli ospiti sono andati vicini al pareggio al 41’ con l’ex Albadoro su una “dormita” della difesa.

 

I ragazzi di Vivarini hanno iniziato la ripresa come il primo tempo, in attacco e al 5’ i biancorossi hanno raddoppiato con un bel tiro – cross di Antenucci servito da Laribi. Sul pallone si è fiondato il difensore centrale Perrotta che ha messo dentro. Dopo il doppio vantaggio il Bari ha continuato ad attaccare dal 5’ il Bari ha raddoppiato con una rete di Perrotta imbeccato da un tiro – cross di Antenucci. Quando sembrava che la squadra di casa potesse gestire al meglio il risultato, una “dormita” in fase difensiva ha dato il la ad Albadoro di accorciare. Dopo il 2 – 1 gli irpini si sono buttati in avanti e Bari che si è difeso fino alla fine della gara.

 

Bari ( 4 – 3 – 1 – 2 ): Frattali, Ciofani, Sabbione, Perrotta, Costa, Maita, Bianco, Scavone, Laribi, Simeri, Antenucci. A disposizione: Marfella, Liso, Di Cesare, Hamlili, Costantino, Corsinelli, D’Ursi, Pinto, Folorunsho, Schiavone, Berra, Terrani. All: Vivarini

 

Avellino ( 3 – 5 – 2 ): Dini, Laezza, Morero, Illanes, Celjak, De Marco, Di Paolantonio, Parisi, Izzillo, Micovschi,  Albadoro. A disposizione: Tonti, Zullo, Rossetti, Ferretti, Bertoldo, Njie, Evangelista,Garofalo, Federico, Rizzo. All: Capuano

 

Spettatori: 11.568 di cui 87 tifosi ospiti. Ammoniti: Sabbione, Di Paolantonio. Espulsi: Angoli: 5 – 5. Recupero tempo: p.t. 0’; s.t. 4’

 

 

ARBITRO: Cudini di Fermo

 

 

MARCATORI: p.t. 30’ Antenucci; s.t. 5’ Perrotta; 30’ Albadoro.

 

 

LA CRONACA:

All’8’ tiro di destro a volo da dentro l’area di rigore di Simeri di poco a lato. Al 10’ ammonito Sabbione per una entrata dura su un giocatore irpino. Al 16’ gran botta di destro dalla distanza di Simeri con palla alta sulla traversa. Al 19’ tiro da fuori area di Costa deviato in angolo. Al 30’ il Bari si porta in vantaggio. Palla in area girata di sinistro da Antenucci con Dini che non può far nulla. Per lui diciannovesima rete in campionato. Al 35’ rete annullata a Simeri per fuorigioco. Al 36’ ammonito Di Paolantonio per fallo su Laribi. Al 38’ conclusione a giro di Antenucci con palla lontano dallo specchio della porta. Al 39’ Avellino vicino al pareggio con una conclusione di Albadoro servito da un cross di Parisi con palla fuori di poco.

 

Nella ripresa, al 1’, doppio cambio per l’Avellino. Dentro Rizzo e Garofalo, fuori Morero e De Marco. Al 3’ conclusione di Simeri, imbeccato da Antenucci, con palla alta sulla traversa. Al 5’ il Bari raddoppia. Laribi libera Antenucci che effettua un tiro – cross, sulla palla arriva Perrotta che raddoppia. Al 7’ dentro Ferretti, fuori Izzillo. All’8’ gran servizio di Laribi per Antenucci in area. L’ex Spal controlla bene e crossa in area, ma non trova nessun compagno. Al 10’ fuori Bianco, dentro Schiavone. Al 28’ fuori Micovschi, dentro Evangelista. Al 30’ l’Avellino accorcia le distanze. Doppio errore dei biancorossi. Laribi perde palla permettendo una conclusione da fuori area a Parisi, Frattali respinge male, sulla palla interviene Albadoro che realizza la rete dell’1 – 2. Al 31’ fuori Laribi, Antenucci e Scavone, dentro Terrani, D’Ursi e Hamlili. Al 42’ dentro Berra, fuori Simeri.

 

90’:

Vivarini: “La squadra è forte e questo lo sanno tutti. Forse sta bene anche in campo. Inoltre c’è una cosa che mi rende orgoglioso. In alcuni momenti è importante giocare sporco, con umiltà. Forse loro erano più scarsi di noi ma hanno giocato con grande umiltà lottando su ogni pallone. In serie C serve anche questo. I ragazzi mi chiedono il perché non arrivino sempre vittorie con margine ampio, ma talvolta serve anche soffrire”.

 

E sulla rete del raddoppio ha detto. “Capuano è un artista sui calci piazzati per cui fargli goal è una soddisfazione più grande. Dentro di me, però, sono arrabbiato perché abbiamo perso troppi punti arrivati da palle inattive. Dovremo alzare molto l’attenzione”.

 

In casa i biancorossi hanno un buon ruollino di marcia. “Dobbiamo rimanere concentrati e tentare di fare il massimo per blindare il secondo posto senza pensare ad altro portando queste prestazioni anche fuori”.

 

E sui giocatori entrati in corso d’opera si è espresso in questo modo. “Tutti devono dare il massimo. E’ chiaro che devo garantire spazio a chi gioca meglio e meno a chi rende un po’ al di sotto degli altri”.

 

Il tecnico ha parlato anche della capolista. “Pensarci è inutile tanto siamo chiamati a vincerle tutte. Dobbiamo guardare solo a noi poi vedremo cosa accadrà”.

 

Vivarini ha parlato anche del ritorno in campo di Hamlili dopo l’infortunio subito al braccio. “Oggi aveva ancora un po’ di paura per l’infortunio subito. Qualche pallone l’ha giocato bene. Deve riacquisire fiducia e proprio per questo era importante tenerlo in campo”.

 

Perrotta: “Oggi non era una partita facile. Siamo riusciti a fare una grande partita senza correre troppi rischi a parte la situazione su cui abbiamo subito la rete. Quando devi fare risultato a tutti i costi non è mai semplice però oggi siamo riusciti a fare una partita senza troppi fronzoli. Siamo stati aggressivi e abbiamo sfruttato le occasioni e, secondo me, abbiamo fatto un enorme passo avanti dal punto di vista caratteriale e di testa. Il goal che ho realizzato è frutto di uno schema che proviamo spesso. Siamo stati bravi ad adattarlo alla partita capendo qual’ era il loro momento e le loro difficoltà. Li abbiamo sorpresi in questo modo. Sono molto contento per il goal realizzato e per la vittoria. Oggi era importante portare a casa il risultato”.

 

Il difensore centrale ha una dedica da fare. “Dedico il goal alla mia famiglia e agli amici che sono venuti a trovarmi qui a Bari questa settimana perché mi supportano sempre”.

 

E sull’esultanza ha detto. “Lo ammetto. Lì per lì non ho pensato alla rete dell’ex. Non volevo mancare di rispetto a nessuno anche perché ad Avellino ho lasciato un pezzo di cuore. Me ne scuso, ma ero troppo felice e non sono riuscito proprio a contenermi”.

 

 

( Foto: SSC Bari )

 

Tutto su Micol Tortora