sabato , 15 Maggio 2021
Home » Bari Calcio » Il Punto sul Bari del 14 marzo 2021

Il Punto sul Bari del 14 marzo 2021

Così com’è strutturata questa squadra non è da serie B

 

Due sconfitte consecutive in un momento particolare della stagione i biancorossi non potevano permetterselo. Dopo la sconfitta contro il Potenza, contro la capolista ci si aspettava un pronto riscatto da parte dei ragazzi di Carrera, riscatto arrivato solo a metà perché nel primo tempo il Bari era partito bene andando in vantaggio subito con un bel goal di Maita. Nella ripresa, quando la Ternana ha incominciato a pigiare un po’ di più sull’accelleratore per tentare di ribaltare il risultato, i biancorossi hanno mostrato i loro limiti, soprattutto in difesa, dove la rete del pareggio, e quella della vittoria dei padroni di casa, sono arrivate a causa delle “solite” amnesie difensive. Una squadra che deve tentare in tutti i modi di arrivare al secondo posto e di “blindarlo” non può permettersi questi incredibili errori difensivi. Il estate il Bari era stato costruito per tentare di vincere il campionato, nel mercato di riparazione questa squadra è stata indebolita con le varie cessioni fatte e, attualmente, la situazione è sotto gli occhi di tutti.

 

COSA VA – Il primo tempo giocato con grande velocità. Se il Bari avesse continuato così anche nella ripresa, e senza quegli errori in difesa, probabilmente sarebbe riuscito a portare a casa l’intera posta in palio.

 

COSA NON VA – Gli errori grossolani commessi dalla difesa in occasione dei goal dellaTernana.

 

TOP & FLOP – Su tutti Maita che è stato il giocatore più pericoloso dei biancorossi. Ha creato molti spazi per i suoi compagni e giocato molto palloni. Al contrario non è piaciuta la prestazione di Di Cesare, giocatore troppo falloso. Inoltre il difensore non ha giocato con la giusta tranquillità visto che ha commesso molti errori. Lasciato inizialmente in panchina da Carrera, Antenucci, dopo essere stato mandato in campo, non è riuscito ad incidere.

 

 

CONSIGLI PER IL MISTER – Se le cose non stanno andando come si sperava di sicuro non è colpa sua. È arrivato a Bari con grande voglia di fare bene, purtroppo sta lavando con i giocatori che ha trovato a disposizione. Quello che sta succedendo non è colpa sua.

 

 

IL FUTURO – Si chiama Casertana, squadra decima in classifica che nell’ultima gara di campionato ha perso in casa contro un’altra pugliese, il Bisceglie. Sicuramente la squadra campana arriverà al “San Nicola” grintosa, pronta a fare di tutto per uscire indenne. Staremo a vedere come finirà.

Tutto su Micol Tortora