giovedì , 26 Maggio 2022
Home » Bari Calcio » Il Punto sul Bari del 15 febbraio 2015
micol bari calcio

Il Punto sul Bari del 15 febbraio 2015

La situazione si fa pesante
Ancora una sconfitta. Dopo il tracollo subito contro il Livorno contro il Vicenza i biancorossi erano attesi ad una prova maiuscola anche in vista della prossima gara interna contro il Lanciano, ma tutto questo ieri non è accaduto. Contro la squadra di Marino il Bari ha pressato gli avversari solo per i primi quindici minuti, poi il pressing non c’è stato più. Al contrario si è vista una buona manovra della formazione veneta, anche nei piccoli spazi i giocatori vicentini non hanno o o mai perso un pallone. La squadra di Marino e’ sembrata più quadrata, con giocatori che in campo giocavano a memoria e tutti sapevano quale era la propria posizione in campo. Il Bari, invece, ha dimostrato di non avere ancora un gioco. Si sono visti troppi lanci lunghi in avanti da parte della difesa e, poi, la formazione biancorossa e’ mancata ancora una volta a centrocampo, centrocampo che non è mai riuscito a fare filtro. Con la seconda sconfitta consecutiva la situazione in classifica incomincia a farsi pesante e a fare scattare nei tifosi un vero e proprio allarme su una squadra che ora si trova ad un solo punto dalla zona play out. La partita contro il Lanciano quindi sarà importante per cercare di invertire la rotta perché se si dovesse perdere anche sabato il Bari si ritroverebbe davvero a dover fare i conti per non retrocedere.

COSA VA – i primi quindici minuti del primo tempo quando i ragazzi di Nicola hanno iniziato la partita pressando l’avversario. Dopo i quindici minuti il Bari non si è più visto.

COSA NON VA – Continua ad essere un “oggetto misterioso” il centrocampo che non riesce davvero a fare filtro per cui sia la difesa che l’attacco ne risentono.

TOP & FLOP – Sotto esame va ancora la difesa visto che Petagna ha avuto tutto il tempo di elevarsi e di colpire di testa circondato da almeno tre difensori del Bari. Poi si è parlato n precedenza del centrocampo che non riesce a fare filtro. E per concludere l’attacco. I vari Ebagua e Caputo prima e dopo la coppia Ebagua – De Luca non hanno mai impensierito il portiere avversario. Sembra che questa squadra si sia involuta per cui servirebbe una vera e propria scossa per evitare il peggio. Tra gli undici che sono scesi in campo chi ha raggiunto e superato la sufficienza e’ stato, come al solito, il solito Romizi. Questa squadra non può davvero fare a meno di lui.

CONSIGLI PER IL MISTER – Dovrà tentare in pochissimo tempo di tirare su una squadra che sembra “svuotata e involuta”. Dovrà lavorare ancora molto sulle palle inattive e dovrà cercare sempre in breve tempo di tirare fuori la sua squadra dalla zona bassa della classifica.

IL FUTURO – A questo punto il prossimo futuro si chiama Lanciano. Contro gli umbri sarà vietato sbagliare perché se si dovesse ancora perdere o pareggiare la situazione in classifica potrebbe davvero farsi pesante.
Di Micol Tortora

Tutto su Micol Tortora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.