martedì , 22 Settembre 2020
Home » Bari Calcio » Il Punto sul Bari del 20 aprile

Il Punto sul Bari del 20 aprile

Finalmente “C” siamo…

 

Finalmente, con ancora 180’ da giocare alla fine del campionato, il Bari è riuscito a conquistare la serie C ieri pomeriggio a Troina, in Sicilia. Certo è che la serie D per la compagine biancorossa andava non stretta, ma molto di più. I ragazzi di Cornacchini sono stati in testa dalla prima all’ultima giornata, giocando un calcio piacevole nel girone di andata, un po’ meno nel girone di ritorno, tant’è che i biancorossi nella loro cavalcata verso il calcio professionistico hanno perso tre volte. Nella tarda serata di ieri il Bari è stato accolto all’aeroporto da circa trecento tifosi festanti. Quello di ieri è solo un piccolo antipasto prima della grande festa che il Bari riceverà domenica prossima contro il Rotonda. Sicuramente il “San Nicola” presenterà un bel colpo d’occhio per festeggiare una squadra che ha meritato appieno la promozione.

 

 

COSA VA – Il fatto che il Bari, dopo essere passato in vantaggio grazie al rigore realizzato da Simeri, è riuscito a gestire bene la partita fino alla fine, anche se negli ultimi minuti, il Troina è andato vicino al pareggio colpendo anche un palo.

 

COSA NON VA – Ieri è andato tutto bene. La squadra è riuscita a gestire bene il tutto.

 

TOP & FLOP – Buona la prestazione di Marfella, il quale verso la fine è riuscito, con due interventi decisivi, a salvare il vantaggio biancorosso. Anche Cacioli, Mattera, Langella, Iadaresta e Simeri hanno fatto il loro, soprattutto quest’ultimo che, dopo essersi conquistato il rigore, lo ha anche realizzato. Chi invece non ha convinto è stato Nannini, un po’ sottotono.

 

CONSIGLI PER IL MISTER – Grande merito di questa promozione va al tecnico che è riuscito a gestire un gruppo che, ricordiamolo, ha iniziato la preparazione in ritardo rispetto alle altre squadre ed è riuscito ad inserire quando erano in ritiro, giorno dopo giorno, i vari giocatori che arrivavano. Per cui un bel sette lo merita.

 

IL FUTURO – Ora toccherà alla società programmare la nuova stagione che sicuramente sarà molto più impegnativa di quella che si sta per chiudere. Sarà importante vedere chi rimarrà, chi andrà via e chi invece arriverà per potenziare questa squadra. Bisognerà, anche in C, partire subito alla grande per tentare di raggiungere la serie B.

Tutto su Micol Tortora