sabato , 28 Maggio 2022
Home » Bari Calcio » Il Punto sul Bari del 21 dicembre 2014
micol bari calcio

Il Punto sul Bari del 21 dicembre 2014

Si incomincia a vedere il lavoro di mister Nicola

Contro la “bestia nera” Latina i biancorossi sono riusciti a portare a casa tre punti fondamentali per la classifica ma soprattutto il pubblico di casa ha potuto vedere una squadra che incomincia ad assomigliare al carattere e al carisma del suo allenatore
Finalmente il Bari è riuscito a battere la “bestia nera” dello scorso campionato, il Latina, che proprio lo scorso anno ha eliminato la squadra barese dai playoff. Contro la squadra neroazzurra si è visto un Bari che si sta ricompattando ma che soprattutto abbia più sicurezza nei suoi mezzi. Grande, grandissimo merito va a Davide Nicola, uomo e allenatore arrivato a Bari nel capoluogo pugliese in punta di piedi, presentatosi alla stampa con grande umiltà e soprattutto con quella voglia di ricominciare dopo la parentesi Livorno.

COSA VA – La voglia e l’impegno che i biancorossi hanno dimostrato contro il Latina. Tutti, a parte Stoian che ha ancora deluso, hanno dimostrato la voglia di fare bene e di voler portare a casa i tre punti che alla fine sono arrivati.

COSA NON VA – Ancora una volta ha deluso Stoian mandato in campo da Nicola a sei minuti dalla fine. Da un giocatore come lui ci si aspettava sicuramente qualcosa in più.

TOP & FLOP – Nella gara di sabato scorso contro il Latina tutti hanno dato il loro contributo tranne, forse Stoian. Tra i top non si può menzionare la prestazione dal primo all’ultimo minuto del centrocampista Joseph Minala ancora una volta determinate dopo la sua priam rete in biancorosso realizzata una settimana prima a Padova contro il Cittadella. Dopo le due buone prestazioni offerte dall’ex Primavera della Lazio, il ragazzo è diventato il vero e proprio simbolo per i tifosi del Bari, tant’è che a fine partita molti tifosi hanno fatto sentire il suo nome.

CONSIGLI PER IL MISTER – Tutto bene trane una cosa. Si è capito che Caputo e De Luca non possono coesistere tant’è che quando è entrato in campo Rozzi il capitano si è espresso molto meglio perché ha giocato nella sua posizione naturale.

IL FUTURO – Mancano ancora due gare alla fine del girone di andata. Contro il Brescia mercoledì e contro lo Spezia domenica al “San Nicola” dovrà tentare di portare a casa più punti possibili visto che pur vincendo sabato i biancorossi si ritrovano al tredicesimo posto in classifica con venticinque punti e a soli due punti dalla zona playoff.
Di Micol Tortora

Tutto su Micol Tortora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.