giovedì , 3 Dicembre 2020
Home » Bari Calcio » Il Punto sul Bari del 21 ottobre 2019

Il Punto sul Bari del 21 ottobre 2019

I lupi mordono i galletti e alla fine viene fuori solo un pareggio

 

Ancora una volta l’Avellino si è dimostrato la “bestia nera” dei biancorossi. I tifosi biancorossi ricorderanno che ad espugnare per l’ultima volta il “Partenio” fu Cisse’. Dopo quest’ultima vittoria purtroppo ci furono due sconfitte, la prima nella “Poule Scudetto di Serie D e, poi, tutti la ricorderanno ancora, l’eliminazione in Coppa Italia. Fa notizia che dopo 324’ è caduta l’imbattibilita’ della porta biancorossa.

 

 

COSA VA – I biancorossi avrebbero potuto gestire meglio il vantaggio, in quanto come ha dichiarato a fine partita lo stesso tecnico, i suoi ragazzi hanno giocato come singoli e non come squadra.

 

COSA NON VA – Il Bari è stato messo in difficoltà, nei primi quarantacinque minuti sulle azioni in velocità di Charpentier e i ragazzi di Vivarini hanno fatto molta fatica ad avvicinarsi all’area avversaria.

 

TOP & FLOP – Su tutti Costa il quale ha spinto e ha difeso come ha fatto nell’ultima gara contro la Ternana. Buona la prestazione di Simeri che, quando è stato chiamato in causa da Vivarini, ha dato il suo contributo realizzando ieri la sua terza rete stagionale. Buona anche la prestazione di Neglia. È stato lui a servire con un assist a Simeri la palla del pareggio. Hanno deluso Frattali che si è dimostrato incerto sulla rete del vantaggio dell’Avellino, Frattali che che si è dimostrato un po’ incerto. Anche Perrotta non ha convinto. Hanno deluso Awua, schierato dal primo minuto dal tecnico. Da lui ci si aspettava di più. Giornata no. Per non parlare di Kupisz che ha deluso le aspettative del tecnico tant’è che è stato sostituito nel l’intervallo. Brutta gara di Folorunsho che ha perso tutti i contrasti dando il la’ ai padroni di casa di ripartire in contropiede.

 

CONSIGLI PER IL MISTER – Di buono c’è che da quando è arrivato ha ottenuto il quinto risultato utile consecutivo. Ad Avellino si è visto un Bari che non ha espresso in campo il suo pensiero.

 

IL FUTURO – Si chiama Catanzaro che il Bari ospiterà tra due giorni nell’anticipo dell’undicesima giornata di campionato. Sarà importante scendere in campo con la giusta mentalità di vincere perché i calabresi arriveranno “molto arrabbiati” vista la sconfitta subita in casa nel big – match contro il Potenza per 0 – 2.

Tutto su Micol Tortora