giovedì , 1 Ottobre 2020
Home » Bari Calcio » Il Punto sul Bari del 24 febbraio 2020

Il Punto sul Bari del 24 febbraio 2020

Questa squadra pecca di concentrazione

 

Anche ieri contro la Cavese è capitato ancora. Dopo un primo tempo sufficiente dove il Bari era riuscito anche a passare in vantaggio verso la fine del primo tempo, nella ripresa si è assistito ad un vero e proprio calo di concentrazione tant’è che invece di cercare la rete del raddoppio, i biancorossi in alcune circostanze hanno subito la formazione di casa, squadra ben messa in campo da mister Campilongo con Russotto in attacco supportato da Di Roberto con  Bulevardi e Castagna a centrocampo e con Spaltro e Sainz – Maza esterni. Inoltre, dal punto di vista dell’intensità, è piaciuta più la Cavese che il Bari con un Castagna che ha recuperato palloni importanti proprio nel mezzo del campo. Quello visto ieri non è stato sicuramente il Bari visto all’andata quando i biancorossi s’imposero per 4 – 0 con reti di Di Cesare, Antenucci, Costa e Sabbione. Alla fine si può dire che quello del “Menti” è stato un punto che ha fatto piacere sia alla Cavese che alla Reggina, la quale dopo la vittoria casalinga contro la Paganese, si è portata a più otto dai biancorossi.

 

COSA VA – Il primo tempo dove il Bari è riuscito a giocare meglio degli avversari.

 

COSA NON VA – La ripresa. Avrebbero dovuto tentare il raddoppio ed invece al posto del raddoppio è arrivato il pareggio della Cavese che avrebbe potuto realizzare anche la rete del 2 – 1 prima con un tiro di Russotto respinto a mani aperte da Frattali e, poi, con Cesaretti che al 67’ ha sbagliato un’occasione incredibile.

 

TOP & FLOP – Si può dire Antenucci che, pur chiuso dalla difesa di casa, ha sfruttato bene l’occasione avuta. Al contrario, Simeri si è visto che non era proprio al cento per cento della forma anche per il fatto che è stato ben bloccato da Marzorati e da Marzupio.

 

CONSIGLI PER IL MISTER – Questa volta il 4 – 3 – 1 – 2 iniziale non è stato proprio stato il modulo giusto, visto che con il cambio di modulo della ripresa la squadra è stata un po’ più quadrata.

 

IL FUTURO – L’immediato futuro si chiama Ternana che il Bari affronterà mercoledì sera ancora in trasferta. Questa sarà una partita da non sbagliare in quanto i tre punti saranno importanti da portare a casa in vista anche del prossimo impegno di campionato.

Tutto su Micol Tortora