mercoledì , 5 Agosto 2020
Home » Bari Calcio » Il Punto sul Bari del 24 luglio 2020

Il Punto sul Bari del 24 luglio 2020

Che succederà ora?

Dopo la mancata salita in serie B la società rivoluzionerà la squadra o meno?

 

Dopo aver perso meritatamente la finale dei playoff contro la Reggiana di mister Alvini i tifosi s’interrogano sul futuro. I sostenitori biancorossi si chiedono se il prossimo anno la società farà, o meno, una rivoluzione. Vero è che le rivoluzioni hanno sempre portato una società ed una squadra a ricominciare tutto da capo. Ricordiamo che il presidente del Bari nella scorsa campagna acquisti ha speso la bellezza di dieci milioni di euro tra ingaggi e stipendi, per cui per la prossima stagione sarebbe importante solo apportare delle giuste correzioni all’organico, e, perché no, anche di un tecnico giovane che abbia esperienza di serie C e in giro ce ne sono tanti. Ma quale sarà il futuro di Vivarini? L’attuale tecnico ha già firmato un po’ di tempo fa il prolungamento del contratto, ma la società, dopo la sconfitta in finale, potrebbe anche cambiare idea. Inoltre in C ci sarà bisogno di giocatori giovani e veloci perché in serie C si corre dal primo all’ultimo minuto. Inoltre è da ricordare che nel prossimo girone dei biancorossi il Bari potrebbe incontrare avversari importanti come, ad esempio il Catanzaro, l’Avellino, il Catania, il Palermo. Insomma, la società dovrebbe già mettersi al lavoro per il prossimo campionato che dovrebbe iniziare il 27 settembre, per cui sarà importante già sedersi intorno ad un tavolo e programmare. Bari è una grande società, lo è sempre stata e dovrà continuare ad esserlo. Il prossimo anno dovrà essere l’anno del bari anche perché salirà solo una squadra e quella dovrà essere, per forza di cose, quella del Bari.

Tutto su Micol Tortora