domenica , 12 Luglio 2020
Home » Bari Calcio » Il Punto sul Bari del 24 ottobre 2019

Il Punto sul Bari del 24 ottobre 2019

14 punti in sei partite

 

14 punti in sei partite. Non si poteva pretendere di più da un tecnico, Vivarini, subentrato in corso d’opera. Da quando è arrivato l’ex tecnico dell’Ascoli, il Bari è davvero diventata un’altra squadra. Addirittura sembra che anche in campo i vari giocatori si divertano. Inoltre è da rimarcare anche un fatto. Ieri sera, per la prima volta nella sua carriera,Vivarini è riuscito a battere Grassadonia che prima della partita di ieri era considerato la vera “bestia nera” del tecnico biancorosso visto che Vivarini non era mai riuscito a batterlo nelle cinque volte che si sono affrontati. Infatti il tecnico del Bari aveva inanellato quattro sconfitte ed un pareggio. Alla fine, però, Vivarini ce l’ha fatta, è riuscito a battere la sua “bestia nera”. Prima o poi c’è sempre una prima volta.

 

 

COSA VA – Contro il Catanzaro il reparto arretrato è tornato ad essere il “muro” che tutti conoscevano. Ieri Ha funzionato tutto bene. La difesa non ha concesso nulla durante la partita agli attaccanti avversari di impensierire più di tanto Frattali.

 

COSA NON VA – Gli ultimi minuti di gara quando il Bari ha concesso alla squadra di Grassadonia un timido possesso palla. Da non concedere più sia nelle partite interne che in trasferta.

 

TOP & FLOP – Di Cesare, Sabbione e Perrotta lì dietro hanno dato tranquillità a tutta la squadra. Buona anche la prestazione di di Awua che ha sostituito molto bene l’infortunato Hamlili ripagando così la fiducia datagli dal tecnico dopo la prestazione di domenica scorsa che non era stata affatto esaltante. Per non parlare poi dell’ottima prestazione di Simeri che ha giocato al servizio dei suoi compagni di squadra. Dopo un primo tempo un po’ opaco Antenucci si è rifatto nella ripresa realizzando la rete della tranquillità.

 

CONSIGLI PER IL MISTER – È riuscito ad inculcare nei suoi ragazzi quella concretezza e quella “rabbia” agonistica che mancava. E se avesse incominciato il campionato con il Bari, forse in questo momento, i biancorossi non avrebbero inseguito le prime tre della classifica.

 

IL FUTURO – Il trittico di partite che ha visto il Bari scendere in campo tre volte in otto giorni si concluderà domenica pomeriggio a Catania, squadra che proprio ieri ha pareggiato in casa per 1 – 1 contro il Bisceglie. Ancora una volta i biancorossi affronteranno una squadra con un nuovo tecnico in panchina. Dopo Grassadonia, il Bari affronterà i catanesi con in panchina il neo – allenatore Lucarelli, ex attaccante del Livorno. Anche questa gara dovrà essere affrontata con la giusta determinazione e con la giusta grinta perché si sa, chi affronterà il Bari, lo farà sempre con il coltello tra i denti, per cui ci vorrà sempre massima attenzione a tutte le partite.

Tutto su Micol Tortora