mercoledì , 4 Agosto 2021
Home » Bari Calcio » Il Punto sul Bari del 28 marzo 2021

Il Punto sul Bari del 28 marzo 2021

“Ecce victoria”

Dopo tre sconfitte ed un pareggio in casa Bari si è tornati nuovamente alla vittoria. Contro la Paganese i tre punti erano d’obbligo sia in chiave classifica che in chiave morale. Bisogna dire però con molta franchezza che la squadra di Di Napoli è arrivata senza alcuni giocatori titolari per cui non è riuscita ad impensierire più di tanto la squadra di casa. Lo si diceva prima. Era importante vincere e vittoria è stata.

 

COSA VA – Sicuramente i tre punti che mancavano da un bel po’ di tempo. C’è anche da dire che i biancorossi non hanno mai sofferto gli attacchi ospiti. La prestazione è stata buona, ma non ad altissimi livelli.

 

COSA NON VA – Il nervosismo di Marras. Forse, fino ad oggi, è il giocatore più nervoso della rosa. Ricordiamo che il Bari sia per le ammonizioni ricevute, sia per le espulsioni risulta essere la squadra “più cattiva” del campionato.

 

TOP & FLOP – Ottima la prestazione del giovane Mercurio. Ha mostrato giocate più che interessanti così come grande padronanza con il pallone. Inoltre ha mostrato spunti interessanti che hanno messo in difficoltà il reparto arretrato ospite. Anche D’Ursi non ha sfigurato. Dopo essere stato mandato in campo nella ripresa è stato una vera e propria spina nel fianco della Paganese. Oltre ad aver realizzato la rete del 2 – 0 in altre circostanze è andato vicino alla rete del 3 – 0.

 

CONSIGLI PER IL MISTER – Alla vigilia della gara aveva parlato chiaro con i suoi ragazzi. Contro la formazione di Di Napoli avrebbe voluto in campo giocatori liberi di testa che giocassero a calcio. E questo è stato fatto. Speriamo solo che in settimana riesca ancora di più a motivarli in vista delle ultime gare, ne mancano appena sei.

 

IL FUTURO – Sabato prossimo il Bari farà visita alla Vibonese, squadra che ha sconfitto in casa per 3 – 1 il Teramo posizionandosi così al sedicesimo posto in classifica con 31 punti. Per la squadra di Carrera, da ora in poi, saranno sei finali.

Tutto su Micol Tortora