venerdì , 10 Luglio 2020
Home » Bari Calcio » Il Punto sul Bari del 6 maggio

Il Punto sul Bari del 6 maggio

Una sconfitta di…rigore

 

Il Bari ha chiuso questo campionato di Serie D con una sconfitta, la quarta in tutto il campionato. C’è da dire che questa volta la sconfitta è arrivata di…rigore al 47’ visto che l’arbitro Di Giovanni di Caserta è riuscito a vedere un penalty che non c’era, in quanto il tiro del giocatore del Roccella è stato colpito con la spalla da Di Cesare e non con il braccio o le mani. Sicuramente questa, dopo la sconfitta rimediata contro la Turris, è stata, forse, la più pesante per come è arrivata. Peccato perché i biancorossi nella ripresa sono andati vicini al vantaggio per ben due volte con Neglia, mentre la squadra locale, escludendo la punizione che ha portato in vantaggio il Roccella, non ha mai fatto un tiro in porta. Il campionato di serie D per fortuna si è concluso. Ora bisognerà preparare al meglio il prossimo il quale sarà molto più difficile di quello appena conclusosi.

 

COSA VA – Il secondo tempo. Mentre nei primi quarantacinque minuti si è assistito ad una gara senza emozioni, al contrario nella ripresa si è assistito ad una partita con più emozioni.

 

COSA NON VA – Il risultato finale. In questa gara il Bari non meritava di tornare in Puglia a mani vuote. Avrebbe, quantomeno, meritato il pareggio.

 

TOP & FLOP – Buone le prestazioni di quei giocatori che hanno giocato poco in questo campionato, come ad esempio Feola, Neglia, Mutti, Cacioli e il solito Di Cesare. Al contrario, nell’ultima gara, sono venuti un po’ meno Marfella per la preparazione della barriera nell’occasione del goal subito, Quagliata, Liguori e Pozzebon.

 

CONSIGLI PER IL MISTER – È stato bravo a fare il turnover per dare più spazio a chi aveva giocato di meno. Forse qualche giocatore che ha giocato ieri potremmo rivederlo anche il prossimo anno nel campionato professionistico.

 

IL FUTURO – Conclusosi il campionato di serie D, si pensa ora alla poule scudetto che vedrà impegnato il Bari impegnato domenica prossima contro il Picerno, capolista del Girone H che ha chiuso il campionato a 78 punti. Sicuramente un avversario più che ostico visto che durante il campionato ha vinto venticinque gare, perse solo tre, pareggiate sei. Inoltre il Picerno ha realizzato la bellezza di ben sessantasette reti subendone solo ventiquattro. Per cui occhio.

Tutto su Micol Tortora