domenica , 27 Settembre 2020
Home » Bari Calcio » La “prima” in casa è da dimenticare. Prese tre “sberle” dalla Viterbese

La “prima” in casa è da dimenticare. Prese tre “sberle” dalla Viterbese

La squadra di Lopez ha meritato la vittoria. Sono stati Bezzicheri è una doppietta di Tounkara a regalare tre punti importanti in chiave classifica. Con la vittoria conseguita al “San Nicola” la squadra laziale vola prima in classifica

 

Il primo tempo tra Bari e Viterbese ha visto la squadra di casa fare la partita fino al 31’ quando Tounkara ha battuto Frattali portando in vantaggio la sua squadra. Dopo il goal subito i biancorossi si sono fatti pericolosi al 42’ con un gran tiro di Hamlili deviato in angolo da un ottimo Vitali. Al contrario gli ospiti si sono fatti pericolosi in due – tre occasioni per portarsi sul 2 – 0.

 

Nella ripresa il Bari si è spinto subito in attacco per trovare il pareggio, pareggio che è arrivato al 22’ su calcio di rigore realizzato da Antenucci. Al 31’, poi, gli ospiti si sono portati meritatamente in vantaggio con un bel colpo di testa di Bezzicheri su perfetto assist dell’ex De Falco. A questo punto Cornacchini manda in attacco tutta l’artiglieria pesante, ma a trovare la terza rete in contropiede è la Viterbese, ancora una volta, con Tounkara. Prima sconfitta per i biancorossi e seconda vittoria per la squadra laziale che ora è prima in classifica.

 

 

Bari ( 4 – 3 – 3 ): Frattali, Kupisz, Di Cesare, Sabbione, Costa, Hamlili, Schiavone, Scavone, Terrani, Neglia, Antenucci. A disposizione: Marfella, Berra, Perrotta, Esposito, Corsinelli, Cascione, Bolzoni, D’Ursi, Floriano, Simeri, Ferrari. All: Cornacchini

 

Viterbese Castrense ( 3 – 5 – 2 ): Vitali, De Giorgi, Baschirotto, Atanasov, Antezza, Vandeputte, Marsica, Bezzicheri, Errico, Volpe, Tounkara. A disposizione:  Ricci, Bianchi, Corinto, De Falco, Messina, Milillo, Molinari, Paviglianiti, Scalera, Svidercoschi, Pini, Vitali. All: Lopez

 

Spettatori: 12.066 di cui 60 tifosi ospiti. Ammoniti: Antezza, Errico, Tounkara, Simeri.  Espulsi: nessuno. Angoli: 8 – 4. Recupero tempo: p.t. 0’; s.t. 3’

 

ARBITRO: Marcenaro di Genova

 

MARCATORI: p.t. 31’ Tounkara; s.t. 22’ Antenucci ( rig. ); 30’ Bezzicheri; 46’ Tounkara

 

LA CRONACA:

Al 18’ tiro a giro di Terrani e palla di poco alto. Dopo un minuto l’arbitro ammonisce Antezza per fallo tattico. Al 20’ Marcenaro lascia correre su un presunto fallo di spalla in area di rigore della Viterbese tra Tounkara e Di Cesare. Al 31’ la Viterbese si porta in vantaggio con un tiro di Tounkara dopo un entrata in area dalla sinistra di Vandeputte che ha servito indisturbato il suo compagno di squadra che ha messo dentro. Al 37’occasione per il raddoppio per gli ospiti con Volpe servito ancora una volta da Vandeputte dalla destra, ma il tiro viene stoppato da Di Cesare. Al 42’ Bari vicino al pareggio con un gran tiro di Hamlili deviato in angolo da un ottimo Vitali.

 

Nella ripresa, al 1’, doppio cambio per i biancorossi. Dentro Perrotta e Floriano, fuori Sabbione e Terrani. Al 5’ percussione di Scavone, palla per Floriano che tira, ma sulla traiettoria interviene un difensore ospite. Al 6’ colpo di testa di Perrotta, palla di pochissimo fuori. Al 9’ fuori Volpe, dentro De Falco. Al 12’ dentro D’Ursi, fuori Neglia. Al 21’ grande intervento di Frattali su Tounkara. Al 22’ i biancorossi pareggiano grazie ad un rigore concesso dall’arbitro per un fallo di mano di un difensore su tiro di Floriano. Sul pallone va Antenucci che mette la palla dentro all’incrocio. Al 30’ dentro Simeri, fuori Schiavone. Al 31’ la Viterbese si riporta in vantaggio con un colpo di testa di Bezziccheri su un perfetto assist dell’ex De Falco. Al 35’ dentro Molinari, fuori Vandeputte. Al 40’ dentro Ferrari, fuori Kupisz. Al 44’ colpo di testa di Antenucci con palla di poco fuori. Al 46’ la Viterbese si porta sul 3 – 1 con un contropiede di Tounkara che a tu per tu con Frattali mette dentro. Al 48’ ammonito Simeri per fallo su De Falco.

 

90’:

Cornacchini: “La partita non è stata all’altezza della situazione. Abbiamo preso tre goal evitabili. Di questo ne parleremo martedì alla ripresa degli allenamenti in maniera tranquilla. Credo che sia stato giusto, a fine partita, non dire niente. In seguito analizzeremo ciò che si è sbagliato, però non è andata benissimo. Di sicuro dobbiamo cambiare mentalità, perché se ti chiami Bari e pensi che devi assolutamente fare la partita e vincere, curi meno la fase di non possesso palla. In questo campionato è fondamentale in quanto trovi tutte squadre attrezzate, solide e che si mettono dietro la palla. Ripeto, oggi abbiamo fatto degli errori e dovremo analizzarli. Gli errori in difesa e Kupisz terzino? Berra veniva da quattro giorni che non si era allenato. Per Kupisz è una scelta in funzione di quello. Ero indeciso tra lui e Corsinelli e, alla fine, ho scelto Kupisz perché, a livello di centimetri, mi dava qualcosa in più. Quando abbiamo pareggiato ho avuto l’impressione che fossero in difficoltà per cui ho inserito Simeri. La loro rete è nata da un giocatore che si è inserito tra Kupisz e D’Ursi. Quella è stata una lettura difensiva che non si può sbagliare. Ripeto, gli errori ci sono stati. Abbiamo preso goal con la difesa messa bene e lo abbiamo pagato. Anche il 3 – 1 è stato un errore di costruzione. Questi sono stati errori di tutti, non abbiamo pressato bene. Ricordo che anche quando si segna il merito non è solo degli attaccanti. I fischi a fine gara? Se perdi in casa con la Viterbese è ovvio che non puoi uscire tra gli applausi. L’importante è che ci sia una reazione da parte di tutti, tosta. Se non ci dovesse essere la reazione, sarei davvero preoccupato. Mi auguro che i ragazzi possano reagire e lavorare sodo per uscire da questo momento tutti insieme che nessuno si aspettava. La Viterbese non ha demeritato, al contrario, ha fatto una buona gara, attenta. Purtroppo abbiamo concesso troppo ”.

 

Lopez: “Abbiamo fatto una partita di cuore e grande applicazione. Abbiamo creato difficoltà al Bari ed è stato meraviglioso vincere qui al “San Nicola. Oggi i complimenti vanno a tutta la squadra, non voglio fare nomi . Siamo arrivati qui contenti, ma anche timorosi a causa delle potenzialità del Bari. Tuttavia ogni partita va giocata e l’abbiamo dimostrato con questo risultato”.

Tutto su Micol Tortora