martedì , 24 Maggio 2022
Home » Bari Calcio » Mangia: “Sarà importante giocare con intensità”

Mangia: “Sarà importante giocare con intensità”

Dopo Catania e Avellino un altro esame importante per i biancorossi domani sul campo del Varese

Dopo i sei punti conquistati contro il Catania fuori casa e Avellino in casa i ragazzi di mister Mangia domani faranno visita al Varese, squadra che sabato scorso ha perso a Bologna per 3 – 0. Contro l’Avellino si è rivista finalmente la “vecchia guardia” che ha fatto la differenza in campo. Oggi in conferenza stampa il tecnico lombardo non ha voluto parlare di “vecchia guardia” o “nuova guardia”, ma ha parlato di tutto il gruppo. “A me non piace parlare di vecchia guardia o di nuova guardia, guardia o ladri. Abbiamo fatto bene come squadra, abbiamo fatto bene tutti, sono stati tutti bravi. Tutti hanno fatto una buona prestazione, migliorabile perché io sono molto convinto che abbiamo ampli margini di miglioramento sotto tutti i punti di vista. Domenica abbiamo fatto una buona gara perché riuscire a battere una squadra come l’Avellino è un buon segnale. In settimana ho letto che Donnarumma è stato il migliore in campo. Donnarumma ha fatto una parata su un tiro da fuori area che è paragonabile a quella che ha fatto il loro portiere non vista dall’arbitro perché non ci ha dato il calcio d’angolo. Il nostro portiere poi ha fatto una ottima parata sul 3 – 1. Anche noi abbiamo avuto un po’ di situazioni importanti. Con questo volevo solo sottolineare il fatto che secondo me il risultato di domenica è stato un risultato meritato nel senso che è giusto sottolineare il fatto che i ragazzi hanno meritato la vittoria perché non è stata una vittoria casuale ma meritata”.

Per Mangia quella di domani non sarà una partita particolare visto che il tecnico lombardo ha iniziato proprio da Varese la sua carriera di tecnico a livello professionistico, ma una normale partita. “Non c’è un avvicinamento particolare. L’avvicinamento è quello solito di una partita che per noi è importante perché dobbiamo cercare di dare continuità e fare risultato. Dobbiamo pensare solo al risultato pieno che è l’unica cosa importante”.

Domani il Bari troverà sulla sua strada due ex giocatori tanto amati negli anni scorsi e cioè il difensore Borghese e il centrocampista Rivas mentre il Varese rivedrà Mangia e De Luca. “Io penso che la chiave di lettura sia il Bari contro il Varese nel suo complesso. Da parte mia non ci sono cose individuali o personali. Sono convinto di avere una buonissima squadra che può andare a Varese e fare la sua partita con il proprio obiettivo e con l’atteggiamento giusto che serve. Non ci sono altre cose”.

Il tecnico del Bari ha scherzato su sulle dichiarazioni rilasciate in settimana da Sciaudone che ha detto che Sabelli a sinistra è stato un colpo di sedere da parte di Mangia. Ecco cosa ha risposto l’allenatore. “Io voglio un bene dell’anima a Sciaudone… la partita più importante è quella di domani . Dovremo essere bravi anche a gestire le energie visto che poi andremo incontro a tre gare in una settimana. Ci sarà da valutare solo un po’ quello”.

Dopo che Galano si è ripreso perfettamente dall’infortunio non sarà facile per il tecnico biancorosso fare delle scelte li in attacco. “Cristian ha parlato bene in settimana, è dispiaciuto ed incavolato perché non gioca. C’è chi sta facendo bene in questo momento. Cristian è una risorsa importantissima per noi. Vedremo domani se potrà essere più utile da subito o a partita in corso. E’ in dubbio che chi sta giocando adesso sta facendo bene e ne devo tenere conto e poi c’è il discorso che ho fatto prima delle tre partite in una settimana”.

Dopo le due importanti gare contro due squadre ambiziose il Bari affronterà domani una squadra che potrebbe dare meno carica ai giocatori biancorossi. Mangia è curiso di vedere come si comporterà la squadra. “Da una parte sono curiso di vedere l’approccio alla gara dall’altra sono fiducioso perché conosco questi ragazzi. Come ho sempre detto non vuol dire che le partite poi le vinci sempre perché nel calcio bisogna sempre riconoscere i meriti degli avversari. Noi andremo li a fare la nostra partita”.

Domani Mangia incrocerà il tecnico del Varese, Bettinelli, che lui già conosce visto che si sono incrociati due anni fa. “L’anno che io sono tornato a Varese ad allenare la Primavera lui faceva il collaboratore di Sannino in prima squadra. Lo conosco poco nel senso che da allenatore in prima non l’ho mai incrociato. Ha lavorato con Sannino un po’ di anni poi ha avuto l’anno scorso l’opportunità di allenare il Varese, quest’anno la società gli ha dato ancora fiducia. Mi dicono che mi vuole battere a tutti i costi così mi dicono uccellini che arrivano da Varese. Qualche cinguettio di li arriva. Questo ci sta, anche noi vogliamo vincere”.

Al contrario il tecnico del Bari conosce molto bene il loro nuovo direttore sportivo. “Il nuovo direttore sportivo lo conosco molto bene perché è stato con me lo scorso anno a La Spezia, lavorava insieme a Romairone. E’ davvero una grandissima persona”.

Domani il Bari farà visita ad una squadra che ha avuto qualche problema. “Ho letto di qualche subbuglio interno. Noi dobbiamo pensare a fare la nostra partita senza guardare i problemi altrui perché fortunatamente alla fine di tutto ci sono due squadre, l’arbitro e il pallone. Tutto il resto conta poco. Domani sarà fondamentale giocare con intensità”.

Mangia crede che il terreno di gioco sia a Varese domani e sabato prossimo a Vercelli non inciderà sulle scelte di formazione che il tecnico farà. “A Varese il campo sarà normale. Non sono calcoli che facciamo, non c’è nessun problema perché il campo vale per tutte e due le squadre. Per quanto riguarda il campo di Vercelli che ha un campo sintetico la gara è lontanissima. Non stiamo proprio pensando a Vercelli”.

Il tecnico lombardo si aspetta dal reparto arretrato un miglioramento in generale. “In generale mi aspetto un miglioramento in fase di possesso e mi aspetto un miglioramento generale in fase di non possesso. Non mi concentro in particolar modo su un aspetto. In generale noi dobbiamo sapere che possiamo miglioare sotto tutti i punti di vista”.

Durante la settimana Mangia non ha pensato di scierare Donati difensore centrale . “In difesa stiamo bene così. Non c’è Camporese fuori per infortunio però ci sono Ligi, Contini e Rossini. Per quanto riguarda Donati sta bene ed è stato convocato però Marco Romizi ha fatto bene i queste partite”.

Poi il tecnico del Bari ha parlato dell’addio di Spedicato. “Spedicato è andato via perché ha fatto una valutazione e ha preferito fare altre scelte. Semplicemente per questo. Temporalmente la cosa è uscita due – tre giorni fa ma risale a prima di Modena. Lui è andato via durante la settimana che precedeva la partita contro il modena in casa. Questa estate quando io non ero ancora arrivato sembrava che Spedicato potesse approdare a La Spezia. Di questa cosa ne parlai col presidente e il presidente mi disse che aveva piacere a mantenere alcune professionalità che c’erano lo scorso anno ed io non ho avuto assolutamente nulla in contrario nel senso che Mirko come Giovanni e Luca erano persone che a me andavano benissimo dentro lo staff. Mirko ha preferito fare un altro tipo di scelta, rispettabile perché le scelte vanno accettate nel rispetto della persona e della professionalità”.

 

Di Micol Tortora

Tutto su Micol Tortora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.