martedì , 20 Ottobre 2020
Home » Bari Calcio » Nicola: “Contro l’Ascoli saremo umili e affamati”

Nicola: “Contro l’Ascoli saremo umili e affamati”

Domani i biancorossi incontreranno una squadra che ha cambiato molto e con qualità

Dopo il pareggio contro il Como i giocatori biancorossi affronteranno domani al “San Nicola” l’Ascoli degli ex Mangia, Bellomo e Caturano. Oggi in conferenza stampa mister Nicola ha dichiarato che nel Bari che scenderà in campo ci saranno dei cambi causa problemi muscolari di alcuni giocatori. “E’ possibile che ci siano dei cambi, soprattutto a centrocampo. Defendi è out, Donkor sarà aggregato al gruppo. Per quanto riguarda invece Del Grosso spero non vada per le lunghe. Le ultime valutazioni dipenderanno da alcuni problemini muscolari”.

E su Di Noia ha detto. “Ha la capacità di adattarsi a più ruoli”.

Nicola si è poi soffermato sull’avversario di domani, l’Ascoli. “L’Ascoli è cambiato molto, hanno beneficiato del mercato lungo. E’ una squadra temibile, inoltre ha qualità e giocatori importanti. Due li conosciamo bene e sono stati oggetto di forte pensiero da parte nostra. Per me è una squadra che ha un preciso modo di stare in campo. Detto questo pensiamo di poter creare loro dei problemi”.

E su Bellomo ha un suo pensiero. “Bellomo? Mi piace molto come giocatore”.

In questo periodo il Bari come tutte le altre squadre della serie B dovrà affrontare sei partite in ventidue giorni. Ecco cosa ha detto il tecnico biancorosso. “E’ un periodo importante per tutte le squadre e che non c’è mai stato in serie B. Ci troveremo di fronte a settimane non piene dove ci sarà bisogno di lavorare recuperando. Un momento topico in cui le squadre che hanno fiducia in tutti gli elementi della rosa potranno trarre più beneficio”.

Quella di domani non sarà solo la sfida tra Bari e Ascoli ma anche tra Nicola e Mangia. “Mangia è un allenatore che stimo, è un grande professionista capace. Conoscendo la sua filosofia verranno a Bari per fare la partita. Dobbiamo continuare a essere umili e affamati ed esercitare la solita pressione asfissiante e a dettare i ritmi della gara. Ripeto, alla fine toccherà a noi dettare i ritmi e giocare con equilibrio e umiltà”.

 

Di Micol Tortora

Tutto su Micol Tortora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.