sabato , 24 Ottobre 2020
Home » Bari Calcio » Paparesta presenta il primo Trofeo “San Nicola”

Paparesta presenta il primo Trofeo “San Nicola”

Con lui due grandi campioni del passato come Francesco Toldo e Franco Baresi

Questa mattina presso la sala stampa dello stadio “San Nicola” Gianluca Paparesta ha presentato alla stampa il primo Trofeo “San Nicola” che si terrà martedì 24 novembre a partire dalle 18 e che vedrà scendere in campo oltre la squadra di casa anche il Milan e l’Inter. Quest’oggi oltre a Paparesta erano presenti Francesco Toldo, responsabile del progetto Inter Forever, James White, responsabile delle strategie commerciali dell’Inter e Franco Baresi, testimonial Milan. Eco le parole del patron del Bari. “Mi fa molto piacere oggi presentare questo primo Trofeo “San Nicola”, progetto a cui tenevo molto fin da quando ho iniziato questa esperienza come presidente del Bari. So e sapevo che era molto importante per il nostro territorio e per la nostra città respirare un po’ d’aria di serie A, aria di calcio nazionale e internazionale. Uno degli obiettivi della società era quello di prevedere la disputa, la realizzazione di un trofeo intitolato al nostro santo patrono, un santo riconosciuto in tutto il mondo che anche attraverso il suo nome favorisca il dialogo tra le religioni, tra i popoli anche nel mondo sportivo. Proprio per questo avevo pensato di realizzare questo Trofeo “San Nicola”. L’opportunità ci è stata data da un accordo che esisteva tra l’Inter e il Milan avvenuti attraverso la società Sport Events che è qui presente con Stefano Pucci che ringrazio per aver contribuito alla realizzazione di questo progetto. Quale migliore opportunità di inserirsi in questo accordo tra Inter e Milan e far disputare un triangolare tra le due squadre che hanno il maggior seguito di tifosi in Italia e nel mondo e il Bari che qui sul territorio ormai stia dando dei segnali di presenze, soprattutto di seguito enormi visto il numero di abbonati che siamo riusciti a raggiungere e a confermare per due anni di seguito superiore alle undicimila presenze di abbonati. Abbiamo una presenza di una media di ventimila persone per le partite di serie B. Questo è un dato estremamente prestigioso. Devo ringraziare James White, responsabile delle strategie commerciali dell’Inter per essere qui presente e soprattutto ringrazio Toldo e Baresi per aver accettato la nostra proposta di far disputare a Bari questo derby dando la disponibilità ai nostri calciatori di confrontarsi con calciatori che calcano i campi della massima serie e campi di calcio internazionale. Spero che questo primo torneo possa essere di buon auspicio sia per far tornare a breve queste squadre per partite di campionato e per far si che questo torneo possa crescere sempre di più. Partendo con Milan e Inter penso che si potranno ripetere altri trofei di questo tipo, eventualmente ampliandolo a qualche altra squadra per avere più giorni di torneo qui a Bari”.

Dopo la presentazione di Paparesta ha preso la parola James White. “Noi dell’Inter siamo molto contenti di essere qui a Bari. Ringraziamo il presidente per questo. Abbiamo parlato da un po’ di tempo con mister Pucci e con i nostri cugini del Milan. Volevamo cercare, organizzando le partite in Italia, di un posto che noi da un po’ di tempo non abbiamo. Sappiamo che qui a Bari e in tutta la Puglia in generale ci sono tantissimi tifosi pieni di passione per il calcio. Per quanto riguarda l’Inter sappiamo già di avere qui tanti tifosi. Mi hanno detto che ci sono settantadue Inter club in tutta la Puglia per cui siamo convinti che la passione per quanto riguarda i nostri tifosi ci sarà. Non vediamo l’ora di venire a Bari il 24 per cui ci vediamo allo stadio”.

Dopo aver preso la parola il responsabile delle strategie commerciali dell’Inter ha preso la parola Francesco Toldo, responsabile del progetto Inter Forever. “Questo bellissimo stadio ci riporta un po’ indietro con la memoria quando avevamo i capelli un po’ più neri. Devo dire che la presenza del presidente inorgoglisce tutto l’ambiente perché è una figura importantissima per la città. L’Inter è felicissima di fare il suo quinto derby mascherato col Bari. E’ importantissimo per l’Inter avvicinarsi ai tifosi come ha detto James White. Ci sono settantadue Inter club e migliaia di tifosi interisti in Puglia, lo vediamo ogni volta che vengono a San Siro. Qui facciamo il contrario, portiamo San Siro al “San Nicola” così ci sarà anche il derby tra i santi. Ci sono stati tanti ex giocatori appartenenti a Inter e Milan, in passato ci sono stati tanti trofei estivi. Bari era una meta storica per i trofei. I prezzi saranno abbastanza popolari. Il desiderio dell’Inter, oltre ad avvicinarsi ai tifosi, è quello di vedere uno stadio pieno di bambini, pieno di ragazzi, pieno di gente che ha voglia di vedere un calcio pulito, che ha voglia di vedere l’entusiasmo di due società simbolo italiane e che hanno voglia anche di sentir parlare di cose pulite del calcio, quindi di lealtà sportiva. Credo che l’immagine che stia dando Bari e che diano Inter e Milan sia da apripista. Questo è un invito allo stadio, cercate di infondere entusiasmo e cercate di portare i ragazzini dopo la scuola per fargli vedere i grandi campioni che giocheranno”.

Dopo Toldo ha preso la parola il grande capitano del Milan, Baresi. “Sono felice di poter presenziare a questa conferenza di presentazione del Trofeo “San Nicola” che si terrà il 24. Il Milan ha deciso di partecipare, ringraziamo il Bari e l’Inter per poter vivere insieme questo evento. Mi auguro che ci possa essere grande entusiasmo. Siamo felici anche che Bari quest’anno abbia una squadra competitiva. Il nostro augurio è quello di poterlo vedere in serie A. In passato qui al “San Nicola” c’è stato il Trofeo Tim per tanti anni. E’ importante che il Trofeo “San Nicola” diventi uno stimolo in più da parte del Bari, dei tifosi. Anche noi abbiamo in Puglia tantissimi tifosi per cui siamo felici di poter presenziare in Puglia e a Bari in questa occasione perché daremo la possibilità e l’opportunità ai nostri tifosi di venirci a vedere da vicino. Il mio augurio è che ci sia tanta partecipazione, tanto entusiasmo per cui ci auguriamo che anche in futuro si possa fare per tante altre volte questo evento. Cerchiamo di diffondere questo trofeo pe3rché credo che sia fondamentale che la gente partecipi e che lo stadio sia pieno”.

 

Di Micol Tortora

Tutto su Micol Tortora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.