sabato , 27 Novembre 2021
Home » Bari Calcio » Polito: “Sabato dovrà essere la partita del riscatto”

Polito: “Sabato dovrà essere la partita del riscatto”

“Alcune volte – ha aggiunto il ds – prendere qualche sberla aiuta”

 

Dopo la deludente prestazione e la prima sconfitta in campionato di domenica scorsa contro la Virtus Francavilla nella giornata di oggi ha parlato in conferenza stampa il direttore sportivo Polito il quale ha iniziato parlando subito di arbitri. “C’è un dato di fatto. Il Bari in questo inizio di campionato ha subito almeno otto/nove torti oggettivi. Non sono stati fischiati rigori che c’erano tutti. Devo dire che questa cosa inizia a darmi fastidio. Non sto parlando di domenica. Contro la Virtus abbiamo strameritato di perdere. Sto parlando delle partite che abbiamo vinto. Con il Bari l’arbitro non deve dimostrare di avere gli attributi. Non vogliamo che ci siano dati rigori che non ci sono, vogliamo solo quelli che ci spettano. I rigori che non ci sono stati assegnati non li capisco. Avrei voluto parlare con loro, ma purtroppo non c’è concesso. Mi avrebbe fatto piacere un confronto. Noi vogliamo rispetto. Tutti si lamentano al contrario nostro che non ci siamo mai lamentati. Questo, però, non vuol dire che siamo fessi. Ripeto, se c’è un rigore bisogna fischiarlo”.

 

Il ds, dopo aver parlato degli arbitri, ha parlato della sconfitta di domenica. “Dire che col Francavilla non sia stata una bella partita è poco. Per me il Bari non è pervenuto, può succedere. Spero che non accada più. Contro i brindisini abbiamo perso davvero male. E’ stato uno schiaffone. Prima della partita avevo un brutto presentimento, devo essere sincero. Non mi sentivo sereno. Avevo avvisato la squadra che avremmo incontrato una formazione che avrebbe dato tutto in campo. Non salvo niente. Domenica non ho riconosciuto il Bari delle altre gare. Purtroppo è’ successo. Speriamo che questa sconfitta possa servire da insegnamento. Quest’oggi sono venuto a parlare dopo una sconfitta. Sono deluso da quella gara. Posso garantire che quello di domenica rimarrà un singolo episodio. Sono sicuro che il Bari darà una grande risposta già da sabato prossimo”.

 

Polito ha anche parlato del suo discorso fatto alla squadra. “Ho parlato con i ragazzi e ho detto loro che non ci possiamo permettere di abbassare la guardia e perdere il furore agonistico. Inoltre ho detto che il nome non fa vincere le partite. Domenica siamo scesi solo col nome e abbiamo preso tre schiaffoni sul muso. Ho potuto notare che, durante il mio discorso, la squadra era dispiaciuta. Se qualcuno ha pensato che potessimo fare un campionato da soli, ha sbagliato”.

 

Ha parlato anche dei singoli, in particolare di Di Gennaro e di Scavone. “Per quanto riguarda Di Gennaro è stato una mia scelta. Mi aspetto tanto da lui. Purtroppo, alla prima occasione, ha preso una botta pesante. Dovrà riprendere, un’altra volta, la condizione. Su Scavone posso dire che gli feci un’offerta che accettò. E’ stato intelligente a rimanere. E’ rimasto saldo al suo posto. Ha dimostrato chi è, non lo scopro io. E’ un professionista serio”.

 

E sulla difesa che in undici gare ha preso un po’ troppi goal ha detto. “Non mi preoccupa. Abbiamo subito un po’ di più rispetto al nostro score iniziale. L’importante è aver portato i risultati a casa, tranne nell’ultima partita. Sono sicuro che i ragazzi si ricompatteranno”.

 

E sull’infortunio subito da Di Cesare, lesione al collaterale del ginocchio destro, si è espresso così. “Purtroppo non ci sono delle buone notizie. Lo perderemo per un po’ di tempo”.

 

Ha chiuso la conferenza stampa parlando del prossimo avversario di sabato prossimo al “San Nicola”. “Per quanto mi riguarda è una delle migliori squadre del girone. I pronostici vedevano un Catanzaro volare da subito. Sicuramente sarà una bella gara. Speriamo di poter dimostrare quello che siamo. Sarà una partita da sei punti”.

 

 

( Foto: SSC Bari )

 

Tutto su Micol Tortora