giovedì , 24 Settembre 2020
Home » Bari Calcio » Romairone: “Servirà una forte mentalità”

Romairone: “Servirà una forte mentalità”

Presentato questa mattina in videoconferenza il nuovo direttore sportivo biancorosso

 

Questa mattina il presidente del Bari, Luigi De Laurentiis, ha presentato in video conferenza ai giornalisti il nuovo direttore sportivo Giancarlo Romairone. Il patron biancorosso è tornato così a parlare dopo la sconfitta subita nella finale playoff contro la Reggiana. Ecco le sue parole. “Sono molto contento di essere qui oggi dopo una dura sconfitta subita nella finale dei playoff. Quello che posso dire è che non è stato facile metabolizzarla. Però dopo una settimana/dieci giorni mi sono sentito pronto per ripartire. Il prossimo anno dovrà essere ancora più ambizioso e per questo siamo preparati”.

De Laurentiis ha rivolto anche un ringraziamento a tutti i tifosi biancorossi. “Vorrei ringraziare i nostri tifosi che ci hanno seguito e sostenuto lo scorso campionato. In queste settimane volevano avere delle notizie. Il nostro silenzio non è stato una mancanza di rispetto, dovevamo lavorare. Il nostro silenzio è stato un silenzio di concentrazione. Quello che posso dire ai tifosi che per il prossimo campionato investiremo quello che abbiamo investito lo scorso anno. Ringrazio anche i tifosi che chiedevano lumi alla società e questo certamente fa notare il loro attaccamento al Bari. Tutto questo non può che farci piacere”.

Dopo aver ringraziato i tifosi ha presentato il nuovo ds. “Quest’oggi vorrei annunciare l’arrivo del nuovo direttore sportivo, un grande professionista, Giancarlo Romairone. In questi giorni ci siamo sentiti molte volte per dettare le linee guida. Arriva dalle serie alte ed ha un’esperienza importante. E’sicuramente una persona che rispecchia i nostri valori lavorativi e umani. Sono certo che insieme costruiremo un percorso ambizioso”.

Ha parlato anche di quello che ci sarà dopo il nuovo ds. “Al momento abbiamo un nuovo ds. Stiamo lavorando per poter presentare altri protagonisti. Per ora non posso dare nessun annuncio ufficiale. Il direttore generale non arriverà visto che a Bari ci sono io in prima persona. Abbiamo le persone giuste per mandare avanti questo progetto”.

Ha spiegato anche il perché ha voluto cambiare. “E’ stata una scelta che ha avuto bisogno di settimane ed è per questo che ci siamo presi del tempo. Devo dire che non è stato facile ritrovare la giusta serenità dopo la sconfitta. Per il campionato che andremo ad affrontare ci presenteremo con delle novità e vi presenteremo delle altre. Su questo abbiamo ragionato a lungo ed è per questo il motivo del silenzio. In quel periodo di silenzio stavamo prendendo scelte non facili”.

De Laurentiis si è soffermato anche sulla convivenza tra il Napoli e il Bari. “Per quanto mi riguarda mi dedico al Bari dalla mattina alla sera. Punto, fine. In questi due anni abbiamo dimostrato quello che dovevamo dimostrare e cioè che c’è un progetto ed oggi, tutto questo, è una ulteriore dimostrazione. Vivo a Bari il più possibile”.

E sulla questione Brienza ha detto. “Al momento siamo concentrati su altre partite che dobbiamo concludere nell’immediato”.

Dopo l’introduzione del presidente ha preso la parola Romairone il quale si è presentato voglioso di fare bene nel suo nuovo club. “Sono onorato e orgoglioso di essere qui e per questo ringrazio tanto il presidente. In questi giorni ho avuto un incontro con lui e ho trovato una linea ben marcata. Si vuol far tornare il Bari dove merita. Si è creata un’empatia tale da fare questa scelta. Sono sempre andato a cercare situazioni per ottenere grandi risultati. Sposo questo progetto con grande entusiasmo”.

Il nuovo ds ha spiegato quale sarà il suo primo movimento. “Il lavoro degli anni passati è sicuramente un’ottima base. Ora l’impatto dovrà essere forte. Servirà una mentalità forte. La cosa importantissima sarà l’unione tra squadra e ambiente. Se i messaggi dovessero arrivare netti, come ho intenzione di fare, questo sarà il mio primo approccio. Bisognerà chiarire la linea da seguire”.

E su Auteri ha detto. “Abbiamo necessità di qualche ora. Ci sono delle formalità burocratiche da rispettare. Parlando a livello generale questo campionato ha bisogno di interpreti giusti per questo campionato, di questi campi, persone giuste per questa categoria. E in questo mi ci metto anch’io perché il mio percorso passa da tutte le categorie”.

Il nuovo ds ha parlato anche di Vivarini. “Appena mi è stato possibile ci siamo incontrati. Ho cercato di capire le sue idee e le sue riflessioni. Non ho avuto preconcetti. Ho trovato una persona preparata, un uomo di valore però ho pensato che ci sia bisogno di una svolta. Credo si debba andare in direzioni diverse”.

Si è anche parlato di rinforzare l’attuale rosa. “La società ha interesse a rinforzare la rosa. Sicuramente arriveranno giocatori funzionali. L’importante sarà centrare le caratteristiche del giocatore e dell’uomo. Interverremo dove ci sarà da intervenire. Giorno dopo giorno cercheremo di ottimizzare tutto. Devo tener conto del patrimonio di questa rosa, e capire con l’allenatore come puntellare. Avremo bisogno delle risposte dei singoli giocatori. Vincere sarà troppo importante. Tutti dovranno essere partecipi. All’interno della squadra i giocatori dovranno capire che bisognerà  sacrificarsi perché l’obiettivo sarà importante”.

E sulla lista dei ventidue ha detto. “Sarà una difficoltà in più. Ci vorrà attenzione. Ventidue giocatori, in linea di massima, sarà un numero sufficiente. Generalmente le rose ne hanno qualcuno in più ma questa è la regola. Bisognerà spostare qualche giocatore”.

Ha parlato anche di come è arrivato a fare il mestiere attuale. “Ho potuto sviluppare vari aspetti. Quello che mi piace e che sento è vivere quotidianamente la squadra, sostenere l’allenatore. Capire come posso essere d’aiuto. L’ho vissuto da giocatore per cui conosco i vari aspetti. Prima un gruppo diventa una squadra, prima ottiene risultati. I momenti di difficoltà ci saranno per tutti. Mi piace conoscere, sapere, cercando di essere ovunque, ma più marcatamente sulla squadra. Per me Bari è una grande sfida”.

 

 

( Foto: SSC Bari )

 

Tutto su Micol Tortora