giovedì , 1 Ottobre 2020
Home » Bari Calcio » Seconda vittoria esterna consecutiva per i biancorossi

Seconda vittoria esterna consecutiva per i biancorossi

Dopo la vittoria nel derby di domenica scorsa contro il Bisceglie, il Bari si è ripetuto quest’oggi  contro la Paganese grazie a una bella rete di destro al volo di Antenucci al 26’ della ripresa. Con questa rete l’ex attaccante della Spal è salito a quota dieci nella classifica marcatori

 

Quello tra Paganese e Bari è stato un primo tempo equilibrato anche se i padroni di casa hanno iniziato la gara, a differenza dei biancorossi, con l’appiglio giusto. Portieri praticamente inoperosi anche se ad essere per prima pericolosa è stata la Paganese con un tiro di Alberti murato da Sabbione. I biancorossi sono andati vicini alla rete del vantaggio con un colpo di testa di Antenucci ben servito da un cross perfetto di Simeri di poco alto sulla traversa.

 

Nella ripresa si è visto un Bari diverso che ha affrontato la gara con ritmi più alti. Biancorossi che hanno tentato di vincere la partita è, dopo un tiro di sinistro di Schiavone alto sulla traversa, al 26’ il Bari è riuscito a portarsi in vantaggio grazie ad una girata di destro al volo di Antenucci dopo che Baiocco aveva respinto un gran tiro dalla distanza di Schiavone.

 

Paganese ( 3 – 5 – 2 ): Baiocco, Schiavino, Panariello, Stendardo, Mattia, Caccetta, Capece, Gaeta, Perri, Alberti, Guadagni. A disposizione: Scevola, Campani, Sbampato, Scarpa, Carotenuto, Lidia, Bonavolonta’, Acampora, Musso. All: Erra

 

 

Bari ( 4 – 3 – 1 – 2 ): Frattali, Berra, Sabbione, Di Cesare, Perrotta, Folorunsho, Bianco, Schiavone, Terrani, Antenucci, Simeri. A disposizione: Marfella, Costa, Esposito, Hamlili, Floriano, Neglia, Awua, Corsinelli, Kupisz, Ferrari, Cascione, Scavone. All: Vivarini

 

Ammoniti: Guadagni, Caccetta, Bianco, Ferrari, Neglia, Antenucci, Costa. Espulsi: nessuno. Angoli: 6 – 5. Recupero tempo: p.t. 1’; s.t. 5’

 

 

ARBITRO: Colombo di Como

 

 

MARCATORI: s.t. 26’ Antenucci

 

 

LA CRONACA:

Al 7’ rischio per la difesa della Paganese. Su un buco difensivo di Stendardo, Antenucci prende palla, ma non sfrutta l’attimo per calciare in rete. Al 17’ padroni di casa pericolosi. Tiro di Alberti murato da Sabbione. La palla viene poi rimessa in mezzo attraversando tutta l’area biancorossa. Al 25’ ammonito Guadagni entrato in ritardo su Berra. Al 33’ ammonito Caccetta. Al 39’ ammonito Bianco. Al 42’ Bari vicino al goal. Cross di Simeri, colpo di testa di Antenucci tra i due centrali e palla di poco alta sulla traversa.

 

Nella ripresa, al 10’, rinvio di Frattali, Simeri, vede il portiere di casa fuori dai pali e prova il pallonetto, ma non riesce a beffare Baiocco. Al 13’ per la Paganese dentro Scarpa, fuori Guadagni. Al 17’ conclusione di sinistro di Schiavone dopo un suggerimento di Simeri, palla alta. Doppia sostituzione per il Bari. Dentro Hamlili e Neglia, fuori Folorunsho e Terrani. Al 26’ i biancorossi si portano in vantaggio. Conclusione dalla distanza da parte di Schiavone, palla che viene respinta dall’estremo difensore della Paganese. Antenucci, con una girata di destro al volo, manda dentro per la rete dell’1 – 0 dopo essere stato servito molto bene da Simeri. Al 31’ fuori Mattia, dentro Carotenuto. Al 35’ dentro Ferrari, fuori Simeri. Al 37’ tiro centrale di Neglia, servito da Antenucci, con parata senza problemi di Baiocco. Al 39’ ammonito Ferrari. Al 40’ doppio cambio per i padroni di casa. Dentro Bonavolonta’ e Musso, fuori Schiavino e Perri. Al 42’ tiro di Carotenuto deviato in angolo da Di Cesare. Al 45’ ammonito Neglia per fallo tattico. Al 45’ espulso un elemento della panchina aggiuntiva dei biancorossi. Al 46’ Vivarini manda in campo Costa al posto di Antenucci. L’arbitro ammonisce l’attaccante per perdita di tempo. Al 50’ ammonito anche Costa per aver allontanato il pallone. Sempre allo stesso minuto Ferrari va molto vicino alla rete del 2 – 0. Dopo aver saltato due – tre difensori è riuscito a saltare anche l’estremo difensore di casa. Prima di calciare è stato anticipato dal ritorno di Stendardo. Al 51’ ripartenza per il Bari con un contropiede di Neglia che serve Ferrari il cui tiro viene respinto di piede da Baiocco.

 

 

90’:

Vivarini: “Oggi siamo andati oltre le difficoltà che abbiamo incontrato. Inoltre il terreno di gioco era molto pesante. I ragazzi hanno fatto un gran lavoro in fase di impostazione, ma anche in fase difensiva, con cambi di gioco che non mi aspettavo così efficace. Nel primo tempo è mancato il servizio sugli attaccanti. In occasione del goal è stato bravo Simeri nel servire bene Antenucci così come sul colpo di testa nel primo tempo. Entrambi gli attaccanti si stanno trovando molto bene insieme. Oggi non è stato facile sbloccare la gara. Se la Paganese non aveva mai perso in casa un motivo ci sarà. Tutti i ragazzi hanno messo in campo voglia e determinazione. Oggi era troppo importante vincere. E’ stata una partita caratteriale. Faccio i complimenti a tutti i miei ragazzi. L’analisi tecnica, con un campo al limite, lascia il tempo che trovano. Sono stati bravi i ragazzi ad andare oltre. Alla vigilia lo avevo detto, avrebbe vinto la squadra con più voglia. Abbiamo avuto occasioni, siamo cresciuti nella ripresa, in particolare a centrocampo. Un plauso lo merita Simeri che è stato bravo a crederci sulla respinta e a servire Antenucci. Tutti, però, hanno giocato una grande partita con tutte le difficoltà che abbiamo trovato. Dovremo limare ancora qualcosa e migliorarci su alcune situazioni”.

 

E sui due moduli che fino ad ora ha adottato ha detto. “Possiamo lavorare su entrambi. Posso essere soddisfatto perché risultiamo efficaci con entrambi. L’importante sarà proseguire sulla via della continuità”.

 

Contro la Paganese è arrivato il decimo risultato utile consecutivo. Ecco le parole del tecnico in merito. “Per noi deve essere la normalità. Per il Bari la ricerca del risultato deve essere sempre costante. Inoltre la squadra deve essere sempre umile e deve avere la capacità di migliorarsi. Noi ci siamo e ci saremo fino alla fine. I campionati si decidono sempre tra marzo e aprile”.

 

Vivarini si è pronunciato anche sulla vittoria a tavolino della Reggina. “In Italia capita, anche in serie B. Tutto questo è avvilente. Sono cose che non stanno ne in cielo ne in terra. Bisogna andare solo avanti”.

 

Tutto su Micol Tortora