domenica , 17 Ottobre 2021
Home » Bari Calcio » Secondo successo consecutivo esterno

Secondo successo consecutivo esterno

Dopo Picerno il Bari s’impone anche sul campo del Catania

 

Primo tempo senza grandi emozioni quello tra Catania e Bari. Le uniche emozioni sono state il tiro di Botta al 28’ di sinistro parato centralmente da Stacampiano; al 31’ dopo una punizione di Maldonado, Ceccarelli manda alto. Al 40’ si accende un parapiglia dopo che Antenucci va giù in area di rigore spinto, molto probabilmente, da Pinto. L’arbitro non concede il rigore e finiscono sul taccuino Calapai, Pinto e Scavone.

 

Nella ripresa il Bari è riuscito a passare subito in vantaggio, al 7’, con un preciso angolo battuto da Botta sul quale è intervenuto di testa Terranova che ha messo dentro. Dopo la rete del vantaggio la squadra pugliese ha cercato il raddoppio. E come spesso accade nel calcio, al 26’ Moro è riuscito a mettere dentro, di testa, la palla dell’1 – 1. Sotto un caldo fuori dal comune i biancorossi hanno cercato il vantaggio arrivato proprio sul finire, dopo 5’ di recupero, grazie a un bel colpo di testa di Simeri imbeccato molto bene da un cross di Marras dalla destra.

 

Catania ( 4 – 3 – 3 3 ): Stacampiano, Calapai, Ercolano, Monteagudo, Pinto, Rosaia, Maldonado, Provenzano, Ceccarelli, Sipos, Russotto. A disposizione: Sala, Alberini, Pino, Ropolo, Zanchi, Izco, Cataldi, Greco, Biondi, Russini, Moro, Piccolo. All: Baldini

 

Bari ( 4 – 3 – 1 – 2 ): Frattali, Belli, Di Cesare, Terranova, Ricci, Maita, Bianco, Mallamo, Botta, Antenucci, Cheddira. A disposizione: Polverino, Plitko, Gigliotti, Celiento, Simeri, Lollo, Di Gennaro, Pucino, Scavone, Ricci, Paponi, Mazzotta, D’Errico, Marras. All: Mignani

 

Ammoniti: Calapai, Pinto, Scavone, Ricci, Botta, Russotto, Maita, Di Cesare. Espulsi: nessuno. Angoli: 3 – 6. Recupero tempo: p.t. 4’; s.t. 5’

 

ARBITRO: Perenzoni di Rovereto

 

RETI: s.t. 7’ Terranova; 26’ Moro; 49’ Simeri

 

LA CRONACA:

Al 10’ dentro Scavone, fuori Bianco per infortunio. Al 19’ conclusione di sinistro di Cheddira respinto in angolo. Al 28’ tiro di sinistro di Botta dal limite dell’area di rigore parato centralmente da Stacampiano. Al 31’ punizione di Maldonado, sulla respinta interviene Ceccarelli che tira in porta. Palla di poco alta sulla traversa. Al 40’, su punizione, Maita per Antenucci che va giù in area di rigore dopo uno scontro con Pinto. L’arbitro fa proseguire, ma tra i due si accende una breve rissa. Sempre sugli sviluppi di questa rissa vengono ammoniti Calapai, Pinto e Scavone per proteste.

 

Nella ripresa, al 6’, gran passaggio di Botta per Terranova che, in semi – rovesciata di destro manda nell’angolino alto sulla sinistra di Stacampiano che con un grande balzo manda in angolo. Al 7’ i biancorossi passano in vantaggio. Angolo battuto da Botta, deviazione di testa di Terranova sul primo palo e palla in rete. All’11’ punizione in area di rigore per il Bari per un retropassaggio di Monteagudo verso il portiere. Punizione battuta, ma la palla finisce alta. Al 12’ doppio cambio per i padroni di casa. Dentro Piccolo e Moro, fuori Sipos e Rosaria. Al 19’, imbeccato da Antenucci, tiro di sinistro di Botta che finisce di pochissimo a lato sulla sinistra dell’estremo difensore catanese. Dopo un minuto ammonito Ricci per fallo su Piccolo. Al 24’ dentro Marras, fuori Antenucci. Al 26’ il Catania pareggia. Angolo battuto da Ceccarelli, colpo di testa di Moro che beffa Di Cesare che mette la palla sulla sinistra di Frattali. Al 30’ doppia sostituzione per i padroni di casa. Dentro Greco e Russini, fuori Ceccarelli e Provenzano. Al 31’ ammonito Botta per un fallo a centrocampo. Al 33’ ammonito Russotto. Al 36’ dentro Ropolo, fuori Pinto. Dopo tre minuti triplo cambio per il Bari. Dentro Simeri, Paponi e Pucino, fuori Cheddira, Botta e Belli. Al 40’ ammonito Maita per un fallo su Moro. Dopo cinque minuti a finire sul taccuino dell’arbitro è Di Cesare per fallo su Russotto. Al 49’ il Bari si porta in vantaggio. Cross dalla destra di Marras di sinistro, palla al centro dell’area per Simeri che arriva di testa mettendo la palla all’incrocio dei pali sulla sinistra del portiere di casa.

 

90’:

Mignani: “Quella di oggi è stata una partita difficile. Era la prima partita che giocavamo alle 14.30. Il caldo ha influito sia per noi che per loro, Purtroppo il terreno di gioco non ha aiutato a giocare a calcio. I ragazzi sono entrati in campo con personalità. In alcune circostanze hanno provato a forzare la palla un po’ troppo. Oggi sono contento perché abbiamo creato occasioni anche nel primo tempo. Dovevamo cercare di chiudere prima la partita cercando di arrivare alla rete del vantaggio prima. Si potevano fare scelte migliori per essere più lucidi. Quello contro il Catania è stato un segnale importante perché la squadra ha creduto fino alla fine grazie a un giocatore che è entrato ancora una volta dalla panchina”.

 

Il tecnico ha anche parlato degli errori difensivi commessi. “In casa col Monterosi siamo riusciti a chiuderla. La gara di oggi è stata importante perché l’abbiamo vinta anche all’ultimo secondo . Da martedì dovremo metterci sotto in vista della prossima gara casalinga. L’ho sempre detto e lo ribadisco. Questo è un gruppo forte che, partita dopo partita, crescerà ancora. Crescere significa chiudere le partite senza sofferenze e senza prendere goal. Sarà difficile trovare la perfezione, ma dopo tre trasferte su campi non semplici, abbiamo dimostrato il nostro valore. Probabilmente abbiamo avuto anche un po’ di fortuna, ma la fortuna ti aiuta quando la cerchi. Il campionato è ancora molto lungo per cui è inutile esaltarsi adesso”.

 

Mignani ha anche parlato degli ultimi minuti di gioco. “Negli ultimi quindici – venti minuti abbiamo smesso di giocare. In quei minuti non abbiamo rischiato tanto. Abbiamo concesso qualche punizione o calcio d’angolo, ma non mi sembra che la squadra di casa abbia avuto occasioni pulite da rete”.

Tutto su Micol Tortora