mercoledì , 22 Settembre 2021
Home » Bari Calcio » Secondo turno promozione playoff

Secondo turno promozione playoff

I biancorossi si qualificano al terzo

 

Con una prestazione esaltante i ragazzi di Auteri battono nel derby il Foggia di Marchionni grazie a una doppietta di D’Ursi e a una rete di Marras. Con questa vittoria il Bari passa ad essere testa di serie e domenica si ritorna in campo

 

Primo tempo di grande intensità da parte dei biancorossi che hanno tenuto il pallino del gioco al contrario del Foggia che si è difeso cercando di sfruttare le ripartenze. E proprio questa intensità del Bari ha dato vita al 25’ al vantaggio con un preciso diagonale di Rolando per Marras che sul vertice sinistro ha tirato di destro mettendo la palla nell’angolino basso sulla sinistra di Fumagalli. Al 40’ il Bari raddoppia. Lancio perfetto dai trenta metri di De Risio per Antenucci che di prima, al volo, serve all’indietro in area D’Ursi che di destro mette dentro. Il Foggia si è fatto vedere in area solo al 43’ con un tiro di Balde parato da Frattali.

 

La ripresa ha visto protagonista in assoluto ancora il Bari così come nei primi quarantacinque minuti. I biancorossi hanno controllato totalmente la gara. Il Foggia ha avuto poche occasioni da rete, ma in quella più pericolosa ha accorciato le distanze con Di Jenno su preciso passaggio di Balde. Neanche il tempo di mettere la palla al centro che arriva la terza rete con una meravigliosa conclusione a giro di destro dalla distanza che si è andato ad insaccare nell’angolino alto sulla sinistra di Fumagalli. Dopo la terza rete il Bari ha gestito bene i minuti che mancavano alla fine della partita.

 

 

 

Bari ( 3 – 4 – 3 ): Frattali, Semenzato, Sabbione, Di Cesare, Ciofani, Maita, De Risio, Rolando, D’Ursi, Antenucci, Marras. A disposizione: Marfella, Fiory, Perrotta, Bianco, Cianci, Sarzi Puttini, Candellone, Celiento, Lollo, Andreoni, Mercurio, Mene. All: Auteri

 

Foggia ( 3 – 5 – 2 ): Fumagalli, Gavazzi, Salvi, Germinio, Kalombo, Vitale, Morrone, Garofalo, Di Jenno, Curcio, Balde. A disposizione: Di stadio, Galeotafiore, Dell’Agnello, D’Andrea, Said, Agostinone, Moreschini, Dema, Iurato, Pompa, Cardamone, Nivokazi. All: Marchionni

 

Ammoniti: Semenzato, Rolando, Germinio, Agostinone, Ciofani, Salvi. Espulsi: Angoli: 2 – 3. Recupero tempo: p.t. 1’; s.t. 5’

 

 

RETI: p.t. 25’ Marras; 40’ D’Ursi; s.t. 8’ Di Jenno; 11’ D’Ursi

 

 

ARBITRO: Zufferli di Udine

 

 

 

LA CRONACA:

Al 3’ conclusione in semi rovesciata di Curcio parata in due tempi da Frattali. All’11’ tiro dalla distanza di sinistro di D’Ursi respinta da Fumagalli. Al 25’ il Bari si porta in vantaggio. Rolando taglia in diagonale la metà campo ospite servendo Marras sul vertice sinistro dell’area del Foggia, salta Gavazzi e di destro batte Fumagalli con un tiro nell’angolino basso sulla sinistra del portiere. Al 40’ i biancorossi raddoppiano. Lancio di trenta metri di De Risio per Antenucci che di prima serve a volo all’indietro in mezzo all’area D’Ursi che di destro batte il portiere ospite. Al 43’ conclusione di Balde parata da Frattali. Al 44’ ammonito Semenzato per proteste. Al 46’ ammonito Rolando per fallo su Kalombo.

 

Nella ripresa, all’8’, gli ospiti dimezzano lo svantaggio. Gran palla di Balde per Di Jenno che, dalla sinistra, batte Frattali. Neanche il tempo di mettere la palla a centrocampo che i biancorossi triplicano con un meraviglioso tiro a giro di destro dalla distanza di D’Ursi che si è insaccato nell’angolino alto sulla sinistra di Fumagalli. Al 15’ Foggia vicino al 3 – 2 con un bel tiro di destro di Balde di poco alto sulla traversa. Al 17’ dentro Agostinone, fuori Gavazzi. Al 20’ dentro Perrotta, fuori Di Cesare. Al 24’ ammonito Germinio per fallo su Antenucci. Al 25’ ammonito Agostinone per fallo su Semenzato. Al 27’ triplo cambio per il Bari. Dentro Lollo, Andreoni e Bianco, fuori D’Ursi, Rolando e Maita. Per il Foggia dentro Dell’Agnello, fuori Di Jenno. Al 37’ dentro Sarzi Puttini, fuori Semenzato. Al 41’ ammonito Ciofani. Al 43’ Marras per Andreoni che di sinistro manda alto sulla traversa. Al 44’ fuori Balde, dentro Pompa. Al 48’ ammonito Salvi.

 

90’:

Auteri: “Quest’oggi abbiamo disputato una buona gara. Abbiamo sempre preso l’iniziativa. Vorrei, però, rivedere il goal che abbiamo preso perché mi ha infastidito. Quella di oggi è stata una buona gara anche se in alcuni momenti della parte finale c’è stata la voglia di non rischiare e di fare poco possesso e lo abbiamo fatto ad intermittenza. Quando lo abbiamo fatto, lo abbiamo fatto bene anche se avremmo potuto farlo meglio. Questa è una vittoria legittima. I dieci giorni di attesa ci sono serviti visto che siamo cresciuti, ci siamo e andiamo avanti”.

 

Il tecnico ha analizzato anche quali sono state le cose che gli sono piaciute e quali no. “Mi è piaciuto l’atteggiamento che abbiamo avuto. Era quello che abbiamo provato contro un buon avversario con una buona organizzazione di gioco. Gli abbiamo impedito di giocare facendo un buon pressing. Abbiamo creato e abbiamo tenuto l’iniziativa. Inoltre posso aggiungere che non abbiamo quasi mai rischiato. Ripeto, l’unica cosa che mi ha infastidito è stato il loro goal. Su quell’azione potevamo fare meglio”.

 

E su dove può arrivare questa squadra nei playoff ha detto. “Sinceramente non lo so. Vedremo di partita in partita. Il Bari è una squadra forte, ha idee e organizzazione. Quello dei playoff è un torneo secco. Ora si gioca sui cento ottanta minuti, da dentro o fuori. Abbiamo qualità e stiamo bene. Andiamo avanti e vedremo cosa ci riserverà il sorteggio”.

 

Dalla prossima partita sugli spalti potrebbero esserci anche i tifosi. Ecco il pensiero di Auteri. “Sarebbe giustissimo averlo. Il calcio senza tifosi è quello che è. Bari è una delle prime cinque/sei piazze in Italia. Senza pubblico diventa difficile giocare. Facciamo i vaccini quanto prima e apriamo gli stadi al più presto, anche prima di finale e semifinale. Con i tifosi per noi sarà completamente diverso”.

 

E sul fatto di essere testa di serie ha detto. “Conta poco. Anche contro il Foggia, se avessimo pensato di gestire il doppio risultato sarebbe stato difficile cambiare atteggiamento. Invece abbiamo avuto il giusto atteggiamento ed è proprio quello che dobbiamo continuare a fare. Dobbiamo avere la voglia di sfidare tutti”.

 

Marchionni: “Contro il Bari non siamo riusciti a fare il solito nostro gioco. E’ stato un peccato perché credo che avremmo potuto giocarcela di più visto che c’erano gli spazi per farlo. Credo che bisogna fare i complimenti a questi ragazzi per l’anno incredibile che hanno fatto”.

 

Contro il Bari è sembrato che il Foggia sia arrivato un po’ “scarico” rispetto alla prima gara di playoff contro il Catania. “Più che scarichi siamo stati lenti a far girare la palla. Se lo fai contro giocatori bravi, non trovi più gli spazi. Il Bari ha fatto una gran partita coprendo tutti gli spazi in quanto noi non riuscivamo ad essere veloci”.

 

E sul campionato dei satanelli ha detto. “E’ stato un bellissimo campionato. Bisogna solo fare i complimenti a questi ragazzi. Peccato non aver passato il turno perché ci tenevamo a fare qualcosa di straordinario. Sarebbe stata la classica ciliegina sulla torta. Purtroppo non è accaduto. Ripeto, bisogna solo applaudire questi ragazzi. Rispetto a Bari, a Catania, pur soffrendo, siamo stati più veloci. Quando invece sei lento è dura creare occasioni. Oggi siamo partiti anche abbastanza bene, ma essendo stati così lenti, non siamo stati continui. Avevamo preparato questa partita sugli spazi che poi alla fine non abbiamo sfruttato. Ripeto ancora una volta. Per noi è stato un anno straordinario. I ragazzi mi hanno aiutato e mi hanno fatto crescere. Devo ringraziarli uno per uno. Mi hanno dato tutto quello che avevano”.

 

E sul suo futuro si è espresso così. “Ne parlerò con la società. Ci sarà tempo”.

 

 

Tutto su Micol Tortora