mercoledì , 22 Settembre 2021
Home » Bari Calcio » Un 98 ferma Antenucci e il Bari

Un 98 ferma Antenucci e il Bari

E’ stato un ragazzo di 22 anni a fermare Antenucci in più di una occasione, compreso il rigore sbagliato dal numero 7 al 13’ della ripresa. E’ stato lui il grande protagonista della partita

 

Primi quarantacinque minuti sotto una pioggia battente per il Bari e la Vibonese. Si è assistito ad un avvio interlocutorio da parte dei padroni di casa, al contrario degli avversari che sono stati più attivi con Rasi al 4’ e con Plescia al 19’. Nel finale tre buone occasioni per i biancorossi per passare in vantaggio. Decisivo il palo colpito da Antenucci e le parate di Marson su Semenzato e Maita.

 

Nella ripresa la vera e propria occasione da rete è stata quella del rigore concesso dall’arbitro al 13’ per un fallo in area piccola di Rasi su Montalto. Purtroppo il penalty calciato in maniera angolata da Antenucci è stato parato in maniera impeccabile da un ottimo Marson che è stato l’autentico protagonista della partita prima, come detto, parando un rigore e, poi, con altri importanti interventi. Dopo questo pareggio a reti inviolate e la vittoria al 90’ della Ternana sul campo dell’Avellino, i biancorossi si trovano a nove punti dalla capolista. Ad oggi sembrano punti non più recuperabili, ma da domani potrà cambiare tutto.

 

 

Bari ( 3 – 4 – 3 ): Frattali, Ciofani, Sabbione, Di Cesare, Semenzato, Maita, De Risio, D’Orazio, Marras, Antenucci, Montalto. A disposizione: Liso, Marfella, Perrotta, Hamlili, Simeri, D’Ursi, Corsinelli, Candellone, Celiento, Lollo, Andreoni. All: Auteri

 

Vibonese ( 3 – 4 – 3 ): Marson, Mahrous, Redolfi, Sciacca, Rasi, Tumbarello, Statella, Ciotti, Laaribi, Plescia, Berardi. A disposizione: Mengoni, Spina, Prezzabile, La Ragione, Falla, Leone, Ambro, Di Santo, Parigi, Montagno, Riga, Vitiello. All: Galfano

 

Ammoniti: Laaribi, De Risio, Ciofani, Tumbarello, Di Cesare, Lollo, Marson, Sabbione. Espulsi: Montalto, Sabbione, Statella. Angoli: 7 – 6. Recupero tempo: p.t. 0’; s.t. 5’

 

ARBITRO: Saia di Palermo

 

LA CRONACA:

Al 4’ conclusione rasoterra di Rasi parato da Frattali. Al 7’ ammonito Laaribi. Al 10’ ammonito De Risio per fallo su  Berardi. Al 13’ Vibonese vicina al vantaggio con un tiro Statella dopo il secondo angolo battuto da Laaribi. Cross di Berardi per l’ex Catanzaro con palla fuori. Al 17’ ammonito Ciofani. Al 19’ cross dalla fascia, girata a volo di sinistro da parte di Plescia con palla che esce di qualche metro dal palo sulla sinistra dell’estremo difensore biancorosso. Al 24’ Berardi si accentra e calcia di sinistro, parato. Al 28’ destro dal limite di Antenucci che manda la sfera a lato di un soffio alla sinistra di Marson rimasto fermo. Al 36’ Bari vicino al vantaggio. Pallone messo al centro dell’area, arriva Semenzato che calcia di prima. Marson si supera con una grande deviazione d’istinto. Al 44’ lancio preciso in area per Antenucci che calcia in diagonale colpendo la base del montante. Palla che torna in campo e viene parata da Marson. Al 45’ conclusione di Maita, respinta.

 

Nella ripresa, al 1’, dentro Lollo, fuori De Risio. Al 2’ ammonito Tumbarello per fallo su Maita. Al 13’ rigore per il Bari. Rasi ostacola nell’area piccola Montalto. Sulla palla va Antenucci ma il suo tiro angolato viene respinto da Marson. Sulla stessa azione l’arbitro ammonisce Di Cesare per un intervento scomposto. Al 14’ ammonito Lollo per un fallo su un avversario. Al 23’ cross di Statella, tiro di Berardi con palla che finisce fuori di poco. Al 25’ doppio cambio per il Bari. Dentro Candellone e D’Ursi, fuori Montalto e Semenzato. Al 26’ espulso Montalto dalla panchina. Al 30’ ammonito Marson per perdita di tempo. Al 33’ grande conclusione angolata di sinistro di Antenucci, ma Marson manda in angolo con un grande intervento. Al 36’ doppio cambio nella Vibonese. Dentro Spina e Parigi, fuori Berardi. Per il Bari dentro Simeri, fuori Marras. Al 40’ ammonito Sabbione per fallo a centrocampo su Parigi. Al 41’ doppio giallo per Sabbione per aver commesso un fallo ingenuo nuovamente a centrocampo. Al 46’ ammonito Statella per fallo tattico.

 

90’:

Auteri: “Alla squadra rimprovero i primi venticinque minuti in cui non abbiamo avuto un approccio giusto e abbiamo fatto fatica ad alzare il gioco. Siamo cresciuti piano piano e negli ultimi minuti abbiamo creato e costruito. Purtroppo non siamo stati fortunati a finalizzare. Non è andata bene. Quella di oggi è stata una partita disgraziata. Non abbiamo concesso quasi nulla. Purtroppo oggi, visto il risultato della Ternana, abbiamo perso due punti. Di sicuro avremmo meritato la vittoria”.

 

Il tecnico ha parlato anche dell’arbitraggio e dei vari episodi. “Credo che oggi l’arbitro non era in una buona giornata. De Risio ammonito ci ha condizionato la gara. Anche Ledolfi andava espulso e in questa situazione non ha usato lo stesso metro con Sabbione. Al di la di questa gara non siamo stati bravi a concretizzare. Personalmente non ho nulla da rimproverare ai ragazzi. Si deve restare con la testa bassa e pedalare. Dobbiamo partire dalle cose buone fatte fino ad oggi rimarcando le cose giuste fatte nei primi minuti di questa partita. Se gli altri vincono si vedrà. Ci sono ancora tante partite da qui fino alla fine. Se i nostri avversari hanno perso pochi punti, onore a loro. Speravo nel guizzo di qualcuno, magari di Simeri o di Candellone. Ci sono state parate importanti da parte di Marson. Oggi abbiamo creato tanto e concesso poco. La Vibonese ha sofferto tanto. Per quanto riguarda Celiento in settimana non è stato benissimo perché ha avuto un piccolo risentimento e ho schierato Ciofani in quel ruolo visto che lo interpreta benissimo e lo ha fatto molto bene”.

 

Auteri ha parlato anche dell’espulsione in panchina di Montalto. “Adriano non ha fatto niente di che, neanche il quarto uomo non era in serata. Montalto non ha offeso nessuno. Sono cose che contano poco alla fine. Di certo devo dire è che non siamo in difficoltà visto che questo organico è molto ampio. A volte gli arbitri le regole non le fanno rispettare in modo coerente ed equilibrato”.

Tutto su Micol Tortora