sabato , 19 Settembre 2020
Home » Bari Calcio » Un derby ricco di emozioni

Un derby ricco di emozioni

Tra Monopoli e Bari finisce in parità, 2 – 2. È stata una gara che non ha deluso le aspettative dei tifosi accorsi in massa al “Veneziani”. In campo si è visto tanto agonismo, soprattutto a centrocampo. Alle reti di Fella e Jefferson hanno risposto Antenucci e Sabbione. Ora i biancorossi aspettano il risultato del posticipo di domani sera tra Reggina e Ternana

 

 

Bel primo tempo quello tra Monopoli e Bari. Sono stati quarantacinque minuti giocati in maniera intensa da entrambe le squadre. Gara che non ha deluso le aspettative. Al 5’ gli ospiti sono passati in vantaggio con un destro di Antenucci, servito molto bene da Laribi, che ha messo la palla alle spalle di Menegatti. Dopo la rete i biancorossi sono andati vicino al raddoppio con Simeri e ancora con Antenucci, ma Menegatti è stato bravo ad evitare il raddoppio. Al 15’, poi, il Monopoli è riuscito a pareggiare con un gran destro da circa venticinque metri di Fella che ha beffato Frattali.

 

Nella ripresa le due formazioni hanno continuato a darsi battaglia tant’è che al 7’ Jefferson con un bel tiro di destro nell’area piccola ha battuto Frattali. Alla rete dell’italo – brasiliano ha replicato Sabbione all’11’ con un piattone di destro al volo su perfetta punizione battuta da Schiavone. Dopo il pareggio la partita ha continuato ad essere molto bella e ricca di “patos”. È stato un derby giocato correttamente sia in campo che sugli spalti. Alla fine il pareggio è il risultato più giusto.

 

 

Monopoli ( 3 – 5 – 2 ): Menegatti, Rota, Mercadante, De Franco, Tazzer, Giorno, Carriero, Piccinni, Donnarumma, Fella, Jefferson. A disposizione: Antonino, Oliana, Arena, Pecorini, Tsonev, Antonacci, Tuttisanti, Nina, Hadziosmanovic, Cuppone, Mariano, Nanni. All: Scienza

 

Bari ( 4 – 3 – 1 – 2 ): Frattali, Ciofani, Sabbione, Perrotta, Corsinelli, Maita, Schiavone, Scavone, Laribi, Antenucci, Simeri. A disposizione: Marfella, Liso, Di Cesare, Berra, Pinto, Folorunsho, Bianco, Terrani, D’Ursi, Costantino. All: Vivarini

 

Spettatori: 6.880 di cui 700 sostenitori biancorossi. Ammoniti: Simeri, Laribi, Tazzer, Bianco, Tsonev. Espulsi: Perrotta. Angoli: 3 – 5. Recupero tempo: p.t 1’; s.t. 4’

 

 

ARBITRO: Vigile di Cosenza

 

 

MARCATORI: p.t. 5’ Antenucci; 15’ Fella; s.t. 7’ Jefferson; 11’ Sabbione

 

 

LA CRONACA:

Al 6’ il Bari si porta in vantaggio. Errore di Rota in fase di disimpegno Laribi  e approfitta e serve sulla destra Antenucci che, di destro, ha battuto Menegatti. Un minuto prima è stato lo stesso numero 7 del Bari, a provarci sempre di destro, ma il suo tiro finisce alto sulla traversa. All’8’ ammonito Simeri per fallo su Rota. Al 15’ i padroni di casa pareggiano. Errore di Corsinelli a metà campo, ne approfitta Feola che lascia partire un tiro di destro da circa venticinque metri che beffa Frattali con un tiro che s’insacca sulla destra del portiere. Al 18’ Bari pericoloso con un tiro di sinistro di Antenucci con Menegatti che para. Al 27’ ammonito Laribi per fallo da dietro su Giorno. Al 27’ cross dalla sinistra di Donnarumma parato da Frattali. Al 31’ ammonito Tazzer per fallo su Corsinelli. Sempre allo stesso minuto Antenucci, servito da Simeri, in area di rigore tira, ma il suo tiro viene parato da Menegatti. Al 37’ tiro di sinistro di Donnarumma parato dall’estremo difensore biancorosso. Al 43’ conclusione di sinistro di Simeri, parato.

 

Nella ripresa, al 7’, il Monopoli passa in vantaggio. L’italo – brasiliano Jefferson da dentro l’area di rigore salta un avversario e di destro batte Frattali che non può nulla. All’11’ il Bari pareggia. Perfetta punizione di di Schiavone palla in area di rigore per Sabbione che di piatto destro a volo beffa Menegatti. La palla s’insacca nell’angolino basso sulla sinistra del portiere. Al 13’ dentro Pecorini, fuori Tazzer. Al 16’ doppio cambio per il Bari. Dentro Bianco e Folorunsho, fuori Schiavone e Scavone. Al 18’ tiro di Piccinni con palla di poco alta sulla traversa. Al 22’ espulso Perrotta per fallo da ultimo uomo su Fella. Al 24’ ammonito Bianco per fallo su Carriero. Al 25’ dentro D’Ursi e Di Cesare, fuori Laribi e Simeri. Al 32’ dentro Tsonev, fuori Carriero. Al 35’ ammonito Tsonev. Al 41’ dentro Cuppone, fuori Jefferson. Al 48’ dentro Terrani, fuori Maita.

 

 

90’:

Vivarini: “Quello di questo pomeriggio è stato un risultato che non volevamo perché siamo venuti a giocarci la partita con lo spirito giusto. Abbiamo trovato una squadra che è andata oltre l’ostacolo. Ha aggredito il centrocampo in un modo spaventoso. Sono stati molto efficaci. Noi siamo stati altrettanto bravi e positivi rimanendo in partita molto bene. Inoltre abbiamo avuto un buon approccio. Abbiamo creato tante occasioni, ma abbiamo sbagliato un po’ troppo nelle conclusioni sbagliando sui goal da fare e su quelli che abbiamo preso. In quelle due circostanze ci sono state delle ingenuità. Dovevamo essere più attenti però nel complesso la prestazione è stata positiva. E’ arrivato un pari che prendiamo per la continuità. In una gara così non si doveva sbagliare sotto porta, ma anche sulle reti prese. Molti dei nostri errori sono arrivati per il gran lavoro che è riuscito a fare il Monopoli, sempre tanto aggressivo, con continui raddoppi. Bene nel primo tempo, meno in avvio di ripresa. E’ vero che sono stati i nostri errori a metterci in difficoltà, ma  sono stati errori dovuti alla loro aggressività. I cambi fatti ci hanno ridato forza fisica e aggressività ed anche in inferiorità numerica abbiamo provato a continuare a spingere. Devo dire che oggi è stata davvero una bella giornata di sport con gli spalti pieni e un bel tifo da entrambe le parti. Sono cose che ci piacciono molto”.

 

Il tecnico ha parlato della prestazione dei suoi. “Le prestazioni sono importanti però la differenza la fanno gli episodi. Il Bari deve giocare tanto la palla. Oggi potevamo giocarla un po’ di più. Peccato per gli errori commessi, ma l’approccio era fondamentale. All’inizio del secondo tempo ci hanno un po’ sorpreso e su questo dobbiamo fare tesoro. Questa gara è stata giocata a ritmi molto alti”.

 

Il tecnico dovrà lavorare molto sull’aspetto della convinzione dei suoi ragazzi. “Abbiamo bisogno ancora di più della convinzione e questa era la partita giusta per farlo. Dispiace per il risultato, ma dobbiamo ancora lavorare. Dovevamo vincere. Ora pensiamo alla partita di domenica prossima”.

 

Tutto su Micol Tortora